Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 22/09/2016 11:43:00
Luisa Strada
SIENA. L└ DOVE IL GOTICO SI ╚ FATTO CITT└
Da martedý 17 a venerdý 20 gennaio 2017

Compattamente trecentesca, Siena è città di una sola epoca e di un solo passato. Il Comune Ghibellino, acerrimo nemico della rivale Firenze, fu tra XIII e XIV secolo uno dei centri artistici e sociali più fecondi d'Italia, la cui Scuola artistica si distingue per una particolare eleganza e raffinatezza. Si edificano in questi anni il Duomo e il Palazzo Pubblico con la torre del Mangia; si alternano e susseguono ai pennelli Duccio, Simone Martini e i fratelli Lorenzetti, si ospitano i migliori scultori dalla vicina Pisa; si crea una immagine di città che sa parlare, con infinita grazia, il più alto linguaggio di spirituale bellezza e insieme la civica parlata del buon governo.


Martedì 17 - Milano/Firenze/Monteriggioni/Siena
Ritrovo in stazione Centrale, piano binari di fronte alla libreria Feltrinelli, alle ore 8,00.
Viaggio in carrozza standard con treno Alta Velocità FrecciaRossa da Milano a Firenze - 8,20/9,59.
Dal capoluogo toscano prosegue in pullman, sostando brevemente a Monteriggioni già avamposto dei senesi contro i fiorentini, ora un suggestivo borgo tra i colli, circondato dalla cerchia tonda di mura.
Raggiunta Siena, il nostro primo sguardo sulla città è dall’alto della collina, dove sorge la basilica dell’Osservanza, dalle pure linee rinascimentali, voluta da san Bernardino e progettata dall’architetto Francesco di Giorgio. Scendiamo in città per raggiungere l’Oratorio dove il santo predicava e rimanere ancora un po’ immersi nel Rinascimento tra gli affreschi di Sodoma e Beccafumi, prima del nostro incontro con i fratelli Lorenzetti nella chiesa di San Francesco.
Al termine delle visite si raggiungono i Giardini la Lizza, attigui alla Fortezza Medicea, su cui si affaccia l’hotel NH Siena (www.nh-hotels.it) in precedenza noto come hotel Excelsior, situato a ridosso dell’area pedonale e a pochi passi da Via Banchi di Sopra che, in pochi minuti, conduce al celebre Campo.
Pranzo libero, cena e pernottamento in albergo.


Mercoledì 18 - Siena
Giornata di visite effettuate a piedi nel centro cittadino.
La mattina ci vede impegnati nel complesso della Cattedrale, praticamente un corso di Storia dell’Arte Medievale e Rinascimentale italiana. Lo splendido edificio architettonico comprende una serie di strepitosi monumenti, basti citare il Pulpito di Nicola Pisano e gli affreschi di Pinturicchio nella Libreria Piccolomini, ma anche il Battistero con i suoi capolavori -Jacopo della Quercia, Ghiberti, Donatello- e ancora antichi affreschi duecenteschi scoperti non molti anni orsono nella cripta. Non mancheremo di far devota visita alla Maestà di Duccio, la più celebre pala d’altare di tutti i tempi nell’adiacente Museo e di affacciarci sulla città dalla terrazza panoramica del Facciatone.
Dopo la pausa per il pranzo libero, facciamo decantare un po’ di bellezza vista nella mattinata e passeggiamo in città per raggiungere la casa di Santa Caterina e la Basilica di San Domenico, dove riposa la mistica tra gli intensi affreschi del Sodoma.
Cena e pernottamento in albergo.


Giovedì 19 - Siena
Seconda giornata di musei e visite nel centro storico della città, percorso a piedi. Varchiamo la soglia dell’elegante palazzo Buonsignori ed immergiamoci nella bellezza, avvolti da linee sinuose e intensità
cromatiche sprigionate da polittici e ancone dei più noti maestri della pittura senese. Proseguiamo poi con Palazzo Chigi Saracini, non solo sede della prestigiosa Accademia Musicale Chigiana, ma anche di una ricchissima collezione d’arte esposta in sontuosi salotti. Nel pomeriggio, dopo il pranzo libero, raggiungiamo il Campo e il Palazzo Pubblico dove incontriamo l’altra grande Maestà di Siena, quella di Simone Martini, in compagnia del celebre cavaliere Guidoriccio e non manchiamo di lasciarci istruire dal Lorenzetti su come ben governare una città. Cena e pernottamento in albergo.


Venerdì 20 - San Galgano/Firenze/Milano

Nella mattinata percorriamo in pullman un tratto della boschiva Val di Merse e raggiungiamolo l’Eremo di Montesiepi, dove non troveremo il Lorenzetti ad attenderci, ma la mitica Spada nella Roccia. Poco più in là, uno degli spettacoli più affascinanti del paesaggio toscano: di fronte a noi sta, solitario e possente, San Galgano che, seppure scoperchiato, ancora si impone sul paesaggio in memoria di uno degli episodi più significativi della storia e dell’arte del contado. Rientrati a Siena (pranzo libero) varchiamo la soglia di Santa Maria della Scala per osservare da vicino gli affreschi del Lorenzetti a conclusione del restauro, prima che ritornino alla loro collocazione originaria nell’Eremo di Montesiepi. Ed ora è giunto il momento di salutare Siena; di nuovo in pullman, prendiamo la via verso la rivale Firenze, da dove un treno ci porterà verso casa: posti riservati in carrozza standard con treno Alta Velocità FrecciaRossa da S. M. Novella a Milano Centrale - 18,00/19,40.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 780
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 300)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 120


Modalità di pagamento:

- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Siena - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio in treno Alta Velocità con posti in classe standard, trasferimenti in pullman come da programma, sistemazione in
camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione bevande escluse, visite e ingressi come da
programma, assistenza culturale di Luisa Strada, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”, mance.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 4 pasti liberi e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Luisa STRADA
Mi sono laureata con lode nel 1991 in Arte Lombarda con tesi sul Bramante alla Facoltà di Pavia. Tra matrimonio e maternità, ho incominciato la mia attività di assistente culturale e di educatrice museale, nel 1993 con gli Amici di Brera e, due anni dopo, con il Museo Poldi Pezzoli: posso dire che passione e professionalità per l’arte sono cresciute dentro queste due associazioni. Dal 1998, in collaborazione con la Soprintendenza, partecipo al corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola secondaria di primo grado, organizzato dagli Amici di Brera. Dal 2009 sono docente del Corso di Storia dell’Arte presso la Dragan Golden Age, libera università di via Larga a Milano. Il mio interesse principale si rivolge certamente all’arte sacra: nel 2008 ho conseguito il diploma in Spiritualità presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, che continuo a frequentare con grande passione e per la quale ho curato nel 2005 il volume I Chiostri di San Simpliciano Le pietre e la memoria edito da Electa. Nel 2012 ho iniziato una collaborazione con la De Agostini Scuola per cui sto elaborando il Museo digitale dell’arte sacra.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito Ŕ stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact