Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 22/06/2016 11:01:00
Anna Torterolo
SAN PIETROBURGO
Da martedì 25 a domenica 30 ottobre 2016

Una città voluta da un despota. San Pietroburgo viene fondata da Pietro il Grande nel 1703 e costruita in un luogo infame, strappato a piccole tribù scandinave, tra ghiacci e paludi alla foce del fiume Neva.
Il grande Puskin scrive che, aggirandosi per il Nevskij Prospekt, la lunga via centrale che sembra arrivare dritta dritta all'infinito, si possono sentire le grida lamentose degli schiavi che furono impiegati per erigere tanta meraviglia. E forse proprio questa immagine è alla radice del mito di Pietroburgo. Un piano urbanistico rigoroso e militaresco, palazzi immensi con centinaia di finestre, il trionfo apparente di una ragione settecentesca che allinea la Russia alle potenze illuministe europee: tutto questo dà origine ad esperienze artistiche di moderna inquietudine.
Il grande Logos si rovescia nelle pagine visionarie di Gogol e negli smarrimenti dostoievskiani. E la musica diventa l'anima della città da Ciaikovskij a Shostakovitch e le arti figurative esplodono di colori nella grande stagione dei Balletti Russi.
Su questa storia culturale che popola San Pietroburgo di straordinarie memorie e di personaggi indimenticabili, tra cui numerosi e avventurosi architetti italiani, veglia l'incomparabile Ermitage, l'arca dove ogni bellezza è racchiusa, dove la capitale dei ghiacci conserva i risultati più alti dell'arte di ogni tempo e le luci dell'ultimo Rembrandt si sciolgono nel dionisiaco slancio vitale della Danza Rossa di Matisse.


Martedì 25 - Milano/San Pietroburgo
Nel corso della mattinata ritrovo in aeroporto e viaggio, con voli della compagnia aerea Lufthansa, per la Russia con scalo in Germania: Milano Linate/Francoforte LH 271 - 10,35/11,55 in coincidenza con volo Francoforte/San Pietroburgo LH 1436 13,25/17,00. All’arrivo nella capitale trasferimento in centro città e breve visita ad una delle più recenti architetture della città, il Business Center Quattro Corti, realizzato su progetto dello studio italiano Piuarch, che coraggiosamente si inserisce in un contesto urbanistico di leggendaria coerenza.
Sistemazione nel pieno centro cittadino presso il Moika 22 Kempinski hotel (www.kempinki.com), ospitato in un edificio del XIX secolo a ridosso della celeberrima piazza del Palazzo: cena in albergo.


Mercoledì 26 - San Pietroburgo

Primo itinerario nel ventre della “Arca Russa”, il favoloso Ermitage, dove ambienti di meravigliosa raffinatezza decorativa custodiscono capolavori provenienti da ogni parte del mondo, grazie alla bulimia collezionistica degli zar.
Cominciamo con le opere di arte antica italiana (Leonardo, Giorgione, Tiziano, Correggio, …) e finiamo con un mirato iti-nerario nell'area dell'archeologia, dedicando particolare attenzione alle preziose pietre intagliate ed ai cammei.
Nel pomeriggio, primo vagabondaggio cittadino che ci conduce presso alcune icone celeberrime della città, densissime di memorie letterarie e musicali: la chiesa del Salvatore sul Sangue versato, costruita solo nel 1883, ma diventata, con le sue cinque grandi cupole, un segno inconfondibile del panorama urbano, il Giardino d'Estate e, dopo una passeggiata sul Lungo Neva, la fortezza dei Santi Pietro e Paolo con la omonima Cattedrale.
Ripercorriamo così l'appassionante storia della città, segnalando in particolare i luoghi che hanno visto momenti essenziali del XX secolo. Pasti liberi.


Giovedì 27 - San Pietroburgo
Escursione alla fortezza di Kronstadt, possente bastione posizionato su un isolotto del Golfo di Finlandia, avamposto di San Pietroburgo a circa 30 chilometri dalla città: la gradevolezza degli attuali panorami si innesta sulla memoria delle drammatiche vicende di scontri militari ed ideologici di cui il posto fu testimone.
Nel pomeriggio passeggiata sulla celebre prospettiva Nevskij, dove camminavano misteriosi i protagonisti delle novelle di Gogol, e nei dintorni, dalla Cattedrale di Kazan fino alla chiesa di Nostra Signora di Vladimir, in atmosfere vecchie e nuove, tra locali storici e librerie sopravvissute ai cambiamenti epocali degli ultimi decenni.
Pasti liberi.


Venerdì 28 - San Pietroburgo
Seconda spedizione all'Ermitage: questa volta scopriamo le arti europee dal XVII al XVIII secolo (Caravaggio, Rubens, Rembrandt, Chardin, Canova, Velazquez, Goya, …).
Nel pomeriggio visita al monastero Nevskij, fondato da Pietro il Grande e opera degli architetti Trezzini, che portarono echi di classicismo in un paesaggio così "sospeso", fino ad innegabili effetti metafisici.
Sostiamo anche presso l'annesso celebre Cimitero, che consente di far riaffiorare alla memoria nomi streganti della cul-tura russa: Ciaijkovskij, Dostoievskij, …
Pasti liberi.


Sabato 29 - San Pietroburgo
I dipinti più belli dell'Impressionismo e del Post Impressionismo e una serie strepitosa di Matisse ci aspettano nel nostro ultimo Itinerario all'Ermitage: un'orgia di colori che inebriarono i grandi collezionisti Schukin e Morosov che acquistarono questi quadri meravigliosi quando Parigi considerava l'acceso cromatismo un sintomo indiscutibile di barbarie.
È poi la volta di Palazzo Jusupov, dimora splendidamente conservata del Settecento russo: arazzi, mobili, boiseries ed ap-passionanti e tenebrose storie di un celeberrimo personaggio, il famigerato Rasputin.
Pranzo libero e cena di arrivederci in albergo.


Domenica 30 - San Pietroburgo/Milano
L'ultimo giorno ci riserva una splendida scoperta: il Museo Russo. Qui si conservano importanti testimonianze delle avan-guardie artistiche russe del primo Novecento, in particolare opere dei grandi pittori simbolisti che legarono il loro nome alla meravigliosa avventura dei Balletti Russi di Djaghilev. Anche qui un carosello ubriaco di colori accende la splendida algida luce di San Pietroburgo, la Regina del Nord.
Pranzo libero e parte del pomeriggio a disposizione. Trasferimento in aeroporto e, in serata, viaggio di ritorno in Italia: volo di rientro San Pietroburgo/Francoforte LH 1347 - 19,25/20,25 con proseguimento Francoforte/Milano Linate LH 278 - 21,25/23,05.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.780
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 600)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola 
€ 340
Visto d’ingresso 
€ 80

 


Modalità di pagamento:

- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Pietroburgo - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio aereo con voli di linea, tasse aeroportuali e un bagaglio da stiva max 23 kg, trasferimenti in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati con trattamento di pernottamento e prima cola-zione, due cene in albergo, escursioni visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Anna Torterolo, po-lizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, il costo del visto d’ingresso in Russia, 8 pasti liberi, le bevande, i facchinaggi, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.


Documenti necessari:

Rilascio del visto a cura di Celeber: è necessaria la consegna del passaporto -con validità di almeno 6 mesi oltre la data di partenza- entro il 30 settembre, unitamente a due fototessera (recenti, frontali, non sorridenti, con sfondo chiaro) e alla compilazione dell’apposito modulo disponibile in Segreteria.


Assistenza Culturale

Anna TORTEROLO
Collaborando da anni con la splendida Biblioteca di Brera ed essendo cresciuta con una passione per i libri che mi fa' tornare da ogni viaggio con valigie pesantissime, cerco di allacciare tra loro itinerari d'arte ed emozioni letterarie. Sono persuasa infatti che il nostro gusto per il Bello si componga di memorie individuali, di conoscenza ma anche di assonanze più o meno consce tra lo sguardo e la parola: amo i viaggi-racconto, quindi, che sanno mettere in gioco ogni sfaccet-tatura del nostro universo percettivo.
Collaboro con prestigiose associazioni culturali e ho al mio attivo alcune pubblicazioni di argo-mento storico-artistico.
Un papà molto amato mi ha trasmesso un grande amore per la Francia, paese in cui mi muovo con affettuosa e complice disinvoltura.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact