Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 20/10/2015 11:44:00
Alessandra Montalbetti
La Metafisica Ferrara di Giorgio De Chirico
Da venerdì 8 a sabato 9 gennaio 2016

Questa magnifica rassegna è dedicata ad uno dei pochi artisti italiani moderni noti anche all’estero ed apprezzati tanto da essere esposto nei più importanti musei del mondo che sono qui i prestatori, da Washington a Stoccarda, da New York a Londra, convinti dalla qualità dell’esposizione che si apre, per la prima volta e finalmente!, nella città che ha suscitato ed ispirato la nascita di uno dei più intriganti movimenti dell’arte contemporanea che ha seguito nel mondo anche odierno. In un’Italia flagellata dalla Prima Guerra Mondiale, l’incontro cruciale tra la cultura classica dei fratelli DeChirico - Savinio, la creatività visionaria di Filippo De Pisis ed il solidarismo meditabondo di Giorgio Morandi ingenerano un processo sinaptico che offrirà fertile terreno al Surrealismo psicanalitico di André Breton, qui rappresentato da alcuni capolavori di Magritte, Dalì ed altri.


Venerdì 8 - Milano/Ferrara
Alle ore 7,30 partenza da Milano via Paleocapa, ang. via Jacini, e viaggio in pullman lungo il nastro dell’Autostrada del Sole verso Bologna, all’altezza della quale si prosegue in direzione del capoluogo estense.
Al nostro arrivo a Ferrara, visita alla locale Pinacoteca Nazionale, riaperta coraggiosamente dopo le ferite del recente terremoto ed ospitata sempre nel magnifico Palazzo dei Diamanti.
Nel pomeriggio, dopo una pausa per il pranzo libero, passeggiamo brevemente sotto i portici di via delle Volte e di altre strade limitrofe, dove risuonano ancora i passi di un incantato Giorgio de Chirico, che, sotto queste volte, ripercorreva ondivago la propria storia, alla ricerca di quel primitivo profumo che lo ricollegava ai percorsi degli antichi filosofi peripatetici e dei monaci.
Solo così possiamo entrare poi a visitare la mostra, cuore del nostro viaggio, “Metafisica e Avanguardie”.
Al termine sistemazione presso l’hotel Astra (www.astrahotel.info), situato sul principale asse cittadino di viale Cavour, a pochi passi dal Castello: cena in albergo.


Sabato 9 - Ferrara/Milano
Le splendide atmosfere metafisiche di un passato così amato sono riscontrabili nella nostra prima visita al mattino: quel Castello Estense, che in più di un dipinto di tutti gli artisti di questo movimento, appare citato non nella sua precisione artistica, ma nella sua valenza di appartenenza al territorio della storia della bellezza.
Pranzo libero e, nel pomeriggio, la nostra ultima meta ci viene consigliata direttamente da Alberto Savinio, che, nei suoi scritti, citava il Monastero di sant’Antonio in Polesine, per le atmosfere, le “luci ombreggiate” ed il coro delle monache che rimarrà a lungo nel suo cuore.
Viaggio di ritorno in pullman con rientro a Milano nel tardo pomeriggio.

Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 340
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 150)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 25



Modalità di pagamento:

- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Ferrara - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio in pullman, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione in albergo, bevande in albergo, trasferimenti visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Alessandra Montalbetti, mance, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 2 pasti liberi e quanto non espressamente citato nel programma.

 


Assistenza Culturale
Alessandra MONTALBETTI

Dal 1982 nella sezione didattica della Soprintendenza ai Beni Artistici-Storici e demo-etno-an-tropologici di Milano, con la dott.ssa Bandera, ex Soprintendente; elaboro percorsi didattici con schede per ogni ordine di scuole e, specializzata in storia dell’arte contemporanea, partecipo con lezioni di arte contemporanea al corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola media inferiore, organizzato dalla Soprintendenza; dal 1983 al 1990 per la Direzione dei Musei civici elaboro i primi percorsi didattici dedicati alle scuole per il Museo di arte contemporanea; nel 2000 partecipo al gruppo di lavoro della Soprintendenza per la preparazione di percorsi interculturali per la scuola primaria e secondaria di primo grado (progetto "A Brera anch'io"); dal 2012 collaboro con il Guggenheim Museum.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact