Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 13/10/2015 10:27:00
Luca Mozzati
Campi Flegrei
Da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2016

Intriso di leggende ampiamente giustificate dai fenomeni geotermici che costellano l’area, il territorio dei Campi Flegrei conserva un fascino eccezionale, nonostante le non trascurabili ingiurie portate dal tempo e dagli uomini.
Qui, tra coni vulcanici, laghi che riempirono i crateri e continui fenomeni geotermici, si alternarono greci, sanniti e infine romani, che realizzarono alcuni dei più affascinanti insediamenti affacciati sul mare con panorami mozzafiato, meta privilegiata dei viaggiatori settecenteschi.


Giovedì 28 - Milano/Napoli

Ritrovo in stazione Centrale, piano binari di fronte alla libreria Feltrinelli, alle ore 8,15.

Viaggio in carrozza standard con treno Alta Velocità FrecciaRossa “1000” da Milano a Napoli - 8,30/12,48.

Dopo una pausa per il pranzo libero, pomeriggio dedicato alla visita del Museo Archeologico, dove la Collezione Farnese e i reperti pompeiani (il mosaico con la Battaglia di Alessandro vale, da solo, l’intero viaggio) costituiscono un’esperienza assolutamente imperdibile.
Al termine della visita si raggiunge il Renaissance Naples hotel Mediterraneo (www.marriot.com), moderna e raffinata struttura nel centro del capoluogo partenopeo. Sistemazione e cena in albergo.


Venerdì 29 - Capo Posillipo e Capo Miseno

A pochi chilometri da Pozzuoli si staglia il promontorio di Capo Posillipo, in superba posizione sul mare. Qui venne realizzato uno straordinaria villa imperiale, con teatro, terme e templi nota come Grotta di Seiano a causa del tunnel lungo 750 metri, appositamente scavato, che si percorre ancora per accedere ai resti. Una delle visite più suggestive della regione.
Nel protetto golfo del vicinissimo Capo Miseno, venne realizzato il più importante porto romano, dove era di stanza la flotta imperiale. Oggi rimane un magnifico colpo d’occhio, in grado di abbracciare quanto bradisismo ed eruzioni vulcaniche permettono di riconoscere. Qui si trova la Piscina Mirabilis, la più grande cisterna romana di acqua potabile mai realizzata, costruita nel periodo Augusteo.
Pranzo libero e cena in albergo.


Sabato 30 - Baia e Pozzuoli

Nell’incantevole sito di Baia, celebratissimo luogo di ozii e delizie di epoca romana (definizione oggi piuttosto appannata… ma qualcosa resta), si trova il maggior complesso termale del mondo antico, realizzato su più livelli e caratterizzato da giganteschi ambienti a cupola, in parte sopravvissuti, dove gli utenti godevano i benefici dei fenomeni geotermici opportunamente sfruttati. L’eccellente Museo Archeologico, recentemente ingrandito con 47 nuove sale ottimamente realizzate nel formidabile castello aragonese, presenta sorprese (nel bene e nel male…).
A Pozzuoli, occultati nel deprimente panorama del caotico agglomerato urbano, si celano spettacolari rovine romane del massimo interesse: il gigantesco anfiteatro, i cui sotterranei offrono il più suggestivo esempio del genere, lo stadio, il cosiddetto Serapeum, in realtà un Macellum, affacciato sul mare, e le straordinarie necropoli, lunghi tratti di strada, ancora basolati, dove i sepolcri, alti fino a due piani, fiancheggiano ancora l’antica via Domiziana (solo in parte accessibili ma in genere ben visibili con qualche “contorsione”). Conclusione delle visite di Pozzuoli con il Duomo dove, in seguito all’ incendio del 1964, i restauri appena conclusi (!) hanno portato allo scoperto un tempio romano perfettamente conservato sotto la veste barocca; l’interessante area archeologici sottostante è purtroppo tuttora chiusa al pubblico.
Pranzo libero e cena in albergo.


Domenica 31 - Cuma e Napoli/Milano
Ultima mattinata di visite dedicata al sito archeologico di Cuma, la prima fondazione greca sulla penisola, poi possente insediamento sannitico e quindi importantissimo capoluogo romano, celebre per la favolosa presenza della Sibilla, la cui sede è leggendariamente riconosciuta nel famoso antro. Precedono la città il colossale Arco Felice, risultato dal taglio della montagna, e il lunghissimo tunnel (non transitabile) che la metteva in collegamento col Lago di Averno. Immersi nel mitico paesaggio di un cratere che portava agli inferi, sulle cui sponde si trovano le gigantesche rovine di un impianto termale, concludiamo il nostro percorso.
Pranzo libero e, raggiunta la stazione ferroviaria di Napoli Centrale, ha inizio il viaggio in treno di ritorno: posti riservati in carrozza standard con treno Alta Velocità FrecciaRossa “1000” da Napoli a Milano Centrale - 15,05/19,29.



Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 980
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 350)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 150


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Flegrei - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio in treno Alta Velocità con posti in classe standard, trasferimenti in pullman a Napoli come da programma, si-stemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione in albergo, bevande ai pasti, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Luca Mozzati, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”, mance.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 4 pasti liberi, le bevande e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale

Luca MOZZATI
Laureato con lode in Lettere Moderne con indirizzo artistico nel 1987, svolgo attività di conferenziere e storico dell’arte. A queste attività “istituzionali” affianco quelle relative alla progettazione e allo sviluppo di itinerari che spaziano dalla visita a un monumento a viaggi di più giorni in ogni angolo del pianeta, preceduti da lunghi soggiorni per com-prendere a fondo il paese da visitare.
Fotografo professionale e autore di una trentina di libri di storia dell’arte e di guide ar-tistiche, dal 2002 sono consulente nella progettazione e nello svolgimento di pro-grammi di Corporate Social Responsability per diverse aziende, dove curo programmi teorici e outdoor impostati su tematiche di carattere storico-artistico-archeologico, fa-cendo dei temi di crescita del management e del team building esperienze di autentico arricchimento intellettuale ed emotivo per i partecipanti e mirando a risultati di non effimera rilevanza sociale.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact