Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 08/07/2015 10:10:00
Daniela Tarabra
Sarajevo: una città che rinasce
Da giovedì 29 ottobre a domenica 1 novembre 2015

Sono passati quasi vent’anni dalla fine della tragica guerra dei Balcani e oggi Sarajevo torna a rivestirsi di fascino incantevole, a vivere la sua piacevole atmosfera tra caffè antichi, botteghe senza tempo e nuovi palazzi. Qui nei secoli si sono avvicendati l’impero ottomano e quello austro-ungarico, lasciando profonde tracce della loro cultura, e tutt’ora convivono quattro religioni (ortodossa, cattolica, musulmana ed ebraica), per cui è anche detta la “Gerusalemme dei Balcani“. I segni dell’assedio durato 4 anni sono ancora visibili tra le cupole delle moschee ed i minareti che svettano a fianco dei campanili nel delizioso centro storico sulle rive della piccola Miljacka, il fiume che divide in due Sarajevo.
Una realtà davvero cosmopolita dove le famiglie sono quasi tutte miste, come le celebri pasticcerie che offrono SacherTorte e Baklava, un mosaico di culture che vogliono convivere insieme pacificamente in una città estremamente affascinante e gradevole da scoprire a piedi.
Una giornata sarà trascorsa nella vicina e graziosa Mostar, celebre per il suo antico ponte.


Giovedì 29 - Milano/Sarajevo
Nel corso della mattinata ritrovo in aeroporto e viaggio, con voli della compagnia aerea Austrian Airlines, per la Bosnia con scalo a Vienna: Milano Malpensa/Vienna OS 512 - 10,00/11,25 in coincidenza con volo Vienna/Sarajevo OS 757 13,00/14,10.
All’arrivo nella capitale bosniaca, trasferimento dall’aeroporto al centro cittadino e sistemazione presso il confortevole hotel Europe (www.hoteleurope.ba) in posizione strategica per lo svolgimento delle visite. Iniziamo subito nel pomeriggio passeggiando nei quartieri orientali della città dove troviamo il fascinoso mercato islamico, la moschea di Gazi Husrev Bey, capolavoro dell’architettura islamica costruita nel 1562, e il tipico agglomerato di botteghe, laboratori artigianali e caffè tra le vie del quartiere turco di Bascarsija.
Pranzo libero e cena servita in albergo.


Venerdì 30 - Sarajevo
Prosegue la nostra visita a piedi della città iniziando dalla Svrzina Kuca, la Casa di Svrzo, un’abitazione signorile in stile ottomano. Si continua con uno sguardo al restauro della Biblioteca Nazionale distrutta nel 1992, simbolo della resistenza della città all’assedio, e poi visitiamo l’interessante Museo della città di Sarajevo. Passeggiamo verso il quartiere ebraico, poi l’Ufficio Postale dagli interni imperiali con un grande orologio in ottone sospeso, e il mercato coperto alimentare Markhale del 1885.
Pasti liberi.


Sabato 31 - Mostar
Giornata di escursione nella vicina Mostar (Patrimonio UNESCO dell’Umanità) dove si ammira il ponte, simbolo stesso della città e immagine eloquente delle devastazioni belliche: costruito nel 1566, distrutto nel 1993 e ricostruito 10 anni dopo ponendo fine alla dolorosa divisione della città in due parti. Il celebre ponte esibisce uno straordinario arco unico di 28 metri, sostenuto da due torri quadrangolari e collega le due rive del fiume Neretva. Si continua per il fascinoso Kujundziluk, il quartiere turco degli artigiani (sellai, ottonai, tessitori) con strade lastricate e bancarelle riparate da tettoie in pietra: qui si trovano gli edifici più raffinati del XVI secolo come la Biscevic Kuca e la Kajtazova straordinari esempi dell’architettura abitativa in epoca ottomana così come le svettanti moschee.
Pasti liberi.


Domenica 1 - Sarajevo/Milano
In mattinata completamento delle visite a piedi e successivo trasferimento in bus aeroporto per il viaggio di ritorno in Italia: volo di rientro Sarajevo/Vienna OS 758 - 15,05/16,25 con proseguimento Vienna/Milano Malpensa OS 515 - 17,35/19,05. 
Pranzo libero.

 

Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.100
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 400)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 90


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Sarajevo - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio aereo con voli di linea e tasse aeroportuali, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, una cena in albergo, trasferimenti visite e ingressi come da programma, facchinaggi in albergo, assistenza culturale di Daniela Tarabra, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 6 pasti liberi, le bevande, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Daniela TARABRA

Storica dell'arte, collaboro dal 2001 con la casa editrice Electa, sono autrice dei volumi: La National Gallery di Londra
(Mondadori, 2002), Il Prado di Madrid (Mondadori, 2003), Il Rijksmuseum di Amsterdam (Mondadori, 2004), Rubens (Electa,
2004), Il Settecento (Electa, 2006), Gli stili nelle arti (Mondadori Arte, 2008), Tardobarocco e Rococò (Electa, 2009).
Tengo conferenze su temi artistici e conduco visite guidate a mostre, musei e luoghi d’arte, in Italia e all’estero, per conto
di varie associazioni culturali. Il mio impegno professionale e i miei interessi sono rivolti principalmente a diffondere la
conoscenza della storia e dei problemi dell’arte a un pubblico curioso e spesso poco consapevole delle bellezze e dei
tesori ovunque diffusi nel nostro paese.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact