Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 23/07/2014 10:18:00
Alessandra Novellone
Novità in Laguna e San Marco solo per noi
Da venerdì 13 a sabato 14 marzo 2015

Venezia è una realtà fluida per eccellenza: nulla rimane fermo nel panorama liquido e cangiante della laguna, né i mezzi di trasporto, gondole, sandolini, vaporetti, che quotidianamente ne solcano le acque; né le prospettive, sempre diverse e mutevoli se viste dal basso, direttamente dai canali, o dall’alto dei ponti, o dai balconi dei palazzi; né i luoghi d’arte, in continuo, incessante rinnovamento. I cambiamenti avvengono spesso in modo impercettibile, sotto voce, un po’ come l’acqua che inavvertita scava la pietra… ma ad un certo punto ti rendi conto di quante novità ti sono sfuggite, palazzi riaperti, musei ristrutturati, percorsi inediti. In questo itinerario di inizio primavera ci concentriamo proprio sulle novità più recenti inaugurate in città, ma anche su esperienze nuove, mai sperimentate prima… complice un clima più mite, ormai lontano dai rigori invernali, che invita a passare del tempo all’aperto e, perché no, sull’acqua.


Venerdì 13 - Milano/Venezia

Ritrovo in stazione Centrale, piano binari di fronte alla libreria Feltrinelli, alle ore 7,45.
Viaggio in carrozza di II° classe con treno Alta Velocità FrecciaBianca da Milano a Venezia - 8,05/10,40.
Il percorso di visita inizia da Palazzo Mocenigo, sede del “Centro Studi di storia del tessuto e del costume”, riaperto dopo mesi di lavori, in un suggestivo allestimento firmato dal noto regista/architetto/scenografo Pier Luigi Pizzi; il quale ha messo in campo tutta la sua creatività e il suo gusto squisito per ricreare l’atmosfera incantata di un antico palazzo veneziano, fastosa ma anche un po’ malinconica e retrò, e persino metafisica nella presenza quasi ossessiva dei manichini, come fantasmi alla luce delle candele. Non bastasse, ad accrescere il fascino di questo peculiare museo si aggiunge la sezione dedicata alla storia del profumo, la prima in Italia, che comprende una collezione di rari flaconi, ampolle, bruciaprofumi, incensieri, manuali di cosmetica, ma anche alambicchi, provette, distillatori, insieme a piramidi di cannella, cardamomo, noce moscata, zibetto, vaniglia e mille altre spezie ed essenze, a testimonianza di un’arte che a Venezia raggiunse vette di raffinatezza grazie ai privilegiati rapporti commerciali con l’Oriente, da cui provenivano le preziose materie prime che venivano trasformate in ambite e costose fragranze nei laboratori della Serenissima.
Dopo la sosta per il pranzo libero, è il turno del Museo Querini Stampalia il cui recente riallestimento è stato curato dall’arch. Mario Botta. Nel bel palazzo dietro San Marco integralmente conservato è ospitato un ricco patrimonio di libri, manoscritti, incisioni e dipinti di artisti come Palma il Vecchio, Michele Giambono, il Padovanino, Giovan Battista Tiepolo e una ricca raccolta di quadri di piccole dimensioni di Pietro Longhi, cronista attento ed affettuoso della vita quotidiana nella Serenissima di metà ‘700; su tutti spicca la ieratica “Presentazione al tempio di Gesù”, capolavoro dell’attività giovanile di Giovanni Bellini di toccante e profonda verità umana.
Dopo una pausa, ci attende un’esperienza davvero suggestiva: la visita “a porte chiuse” dei mosaici della basilica di S. Marco. Nell’ora del crepuscolo un’illuminazione ad hoc accompagna gradualmente la spiegazione, facendo rifulgere mano a mano la vasta e complessa decorazione musiva; iniziata nella seconda metà del XII secolo ed estesa su circa 8.000 mq., essa è incentrata, a partire dalle cupole e scendendo su volte e pareti, sul tema del disegno divino predisposto per la salvezza dell’umanità. Perno iconografico della rappresentazione è la figura di Cristo, attorno al quale si collocano come intercessori la Vergine, gli Apostoli, i Santi emblema della chiesa militante: un tuffo nel prezioso gusto bizantino e paleocristiano che impronta di sé le prime espressioni artistiche presenti in laguna.
Sistemazione presso l’hotel Monaco e Gran Canal (www.hotelmonaco.it), un albergo di charme situato alla confluenza tra il Canal Grande e il bacino di San Marco. Tra le sue sale è ancora visibile il celebre “Ridotto” di Palazzo Dandolo, la bisca preferita da Giacomo Casanova. Cena libera.


Sabato 14 - Venezia/Milano

L’itinerario concentra la propria attenzione sulle Gallerie dell’Accademia, che sono state oggetto nel corso degli ultimi due anni di una profonda ristrutturazione, guadagnando significativi spazi espositivi grazie al trasferimento dell’Ac-cademia in altra sede. Uno straordinario “work in progress”, che ha consentito di operare una vera e propria rivo-luzione dei percorsi espositivi, senza nemmeno un giorno di chiusura. Abbiamo così occasione di ammirare capolavori che tanto amiamo, opera di Giorgione, Tiziano, Tintoretto, Veronese e molti altri, in una nuova sistemazione, e sarà come vederli per la prima volta.
Dopo la pausa per il pranzo libero, il programma prevede un piccolo tour in laguna, tagliato su misura per noi. A bordo di un “bragozzo”, tipica imbarcazione locale, si raggiunge Burano, dove una passeggiata per il caratteristico borgo dalle case con le facciate variopinte conduce al Duomo di S. Martino.
La navigazione riprende poi facendo rotta su S. Francesco del Deserto, isola situata tra Burano e S. Erasmo, in cui secondo la tradizione approdò San Francesco durante il suo viaggio di ritorno dall’Egitto, fondandovi un semplice oratorio in legno, poi sostituito da un complesso costituito da chiesa e convento dai bellissimi chiostri; il luogo, in cui veniamo accompagnati da uno dei frati che vivono nel monastero, conserva il fascino di un’intatta spiritualità, che ne fa una vera e propria oasi di pace, lontana anni-luce dalle rotte turistiche.
Completate le visite, si raggiunge la stazione ferroviaria di S. Lucia da dove ha inizio il viaggio di ritorno, in carrozza di II° classe, con treno Alta Velocità FrecciaBianca da Venezia a Milano Centrale - 17.58/20.25.



Quota individuale di partecipazione minimo 15 -
€ 540

Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 200)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 60


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Laguna - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio in treno Alta Velocità con posti II° classe, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, prima colazione in albergo, biglietto ACTV libera circolazione 36 h., escursioni visite e ingressi come da programma, traspor-to bagagli stazione/albergo/stazione, assistenza culturale di Alessandra Novellone, mance, polizza di assistenza “me-dico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, tre pasti, le bevande e quanto non espressamente citato nel programma.



Assistenza Culturale
Alessandra NOVELLONE

Laureata con lode in Lettere Moderne con indirizzo in storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi sulle vetrate artistiche del primo ‘900, ha collaborato per alcuni an-ni con una casa editrice, diventando pubblicista. Entrata in ruolo come docente di materie uma-nistiche, ha insegnato per oltre 15 anni storia dell’arte, italiano e storia in alcuni istituti superiori milanesi, mettendo a punto una formazione composita che privilegia un approccio multidiscipli-nare. In parallelo a queste attività, dal 1986 collabora con l’associazione Amici di Brera, per la quale elabora e svolge visite guidate, percorsi didattici e conferenze, con particolare riferimento all’arte dal XV secolo al primo Novecento. Ama i piccoli musei, i luoghi un po’ appartati e lontani dalle rotte turistiche più frequentate, i tesori ancora poco conosciuti di cui è ricca l’Italia. Autrice di articoli di approfondimento su temi storico/artistici, ha pubblicato “Arte e Zodiaco” (Sassi, 2009) e “Milano, una metropoli d’arte” (Sassi 2010), scritti a 4 mani con il collega e amico Stefano Zuffi.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact