Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 22/07/2014 11:26:00
Alessandra Novellone
Vincent Van Gogh, il malessere dei campi di grano
28 ottobre 2014 - Martedì

L’esposizione da poco inaugurata a Palazzo Reale privilegia un tema preciso, particolarmente caro a Van Gogh: la vita nei campi, scandita da fasi che ciclicamente si ripetono, immutabili, ogni anno: aratura, semina, raccolto. Attraverso l’analisi di questo soggetto, molto amato nell’800, ma completamente rinnovato dal pittore, si può entrare nel vivo della personalità di questo artista istintivo e infelice, tormentato da un disagio psichico crescente, aggravato dall’abuso di assenzio, che provocava stati mentali alterati e una percezione distorta del colore (forse all’origine del tono surreale di giallo da lui prediletto). Il seminatore dell’88 e Il mietitore dell’89 esprimono stati d’animo contrapposti, di speranza e vitalità il primo, di angoscia e senso di morte il secondo, di cui lui stesso era consapevole, come emerge nella commovente corrispondenza con il fratello Theo. E sarà proprio ad un campo di grano, dove non splende più nessun sole, che l’artista affi derà il suo testamento pittorico, prima di porre fi ne alla sua disperazione esistenziale, sparandosi nel luglio del 1890: tragico finale di partita, che liquida definitivamente i miti ottimistici del Positivismo e apre al “grido dell’anima” espressionista, e all’arte moderna.


Ore 17.30. Sala della Passione, cortile del Palazzo di Brera, via Brera 28.
Partecipazione gratuita per i soci.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact