Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 03/02/2014 12:34:00
Stefano Zuffi
Un inquieto Cinquecento nella Marca giocosa
Da giovedì 1 a sabato 3 maggio 2014

 

Si svolge a Conegliano una singolare mostra dedicata ad aspetti “minori” del secolo più splendente nella pittura veneta. Una occasione particolare per tornare in località e paesaggi di profonda bellezza, tra i colli del Trevigiano e la piana del Piave, antichi borghi, monumenti solenni, vigneti e scenari


Giovedì 1 - Milano/Susegana/Conegliano/Ponzano Veneto
Ore 7,30 partenza in pullman da Milano via Paleocapa, ang. via Jacini.
In tarda mattinata si raggiunge, in riva al fiume Piave, la cittadina di Susegana, sovrastata dal Castello di S. Salvatore, la prima tappa dell’itinerario. Un antico fortilizio con doppia cerchia di mura, trasformato nella splendida residenza dei conti di Collalto.
Dopo il pranzo in ristorante, ci si porta nel centro di Conegliano, per ritrovare il gusto di un centro storico di grande fascino soprattutto lungo la via principale, dove si addensano gli aspetti monumentali più rilevanti: Palazzo Sarcinelli, che ospita la mostra sul XVI secolo locale, e il Duomo, preceduto da un portico gotico e collegato all’affascinante Scuola dei Battuti, ambiente affrescato che costituisce parte integrante dell’itinerario dell’esposizione.
Al termine si raggiunge l’antica Villa Persico Guarnieri, oggi Country hotel Relais Monaco (www.relaismonaco.it), un’oasi di pace e tranquillità alle porte di Ponzano Veneto. La villa si distingue per la signorile architettura veneta dell’800 con le sue barchesse ai lati e l’annessa nuova struttura, progettata dell’architetto Tobia Scarpa, perfettamente integrata nel contesto storico e paesaggistico: cena e pernottamento in albergo.


Venerdì 2 - Vittorio Veneto/Follina
I due borghi storici di Ceneda e di Serravalle costituiscono i poli da cui è nata, alla fine dell’Ottocento, la conurbazione di Vittorio Veneto, che custodisce un patrimonio architettonico di insospettabile ricchezza. Un autentico gioiello segreto sono gli affreschi quattrocenteschi nell’Oratorio di San Lorenzo, sezione staccata del Museo del Cenedese, nel cuore del borgo "nobile" di Serravalle, ricco di sontuosi palazzi. Pranzo libero.
Nel pomeriggio si procede verso la valle del Soligo, nelle terre del prosecco e del cartizze. Dopo aver rasentato i laghi di Revine, in un paesaggio incantato, si raggiunge l’abbazia benedettina romanica di Follina.
Cena e pernottamento in albergo a Ponzano Veneto.


Sabato 3 - Maser/Asolo/Possagno/Milano
Giornata di meraviglie: come “antidoto” al Cinquecento inquieto di Conegliano, ecco il solare classicismo di Villa Barbaro a Maser, capolavoro di Palladio e di Veronese, connubio insuperabile di architettura, pittura e paesaggio. A breve distanza, l’antico borgo di Asolo disteso a balconata sui colli richiama secoli di “villeggiatura” letteraria, dalla regina Cornaro a Eleonora Duse. Pranzo libero.
Nel pomeriggio, ultima tappa: il paese di Possagno, dominato dalla mole a cupola del neoclassico Tempio voluti da Antonio Canova, che qui è nato è vissuto. La Gipsoteca Canoviana, con la raccolta dei gessi originali del grande scultore, è una immersione nella bellezza più assoluta.

 


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 680
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 250)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 60


Modalità di pagamento:


Bonifico bancario

IBAN: IT 89 O 05696 01600 0000 18882X00

Intestato a: CELEBER srl
Causale: ABP Conegliano - “Cognome partecipante”
Assegno

Intestato a: CELEBER srl

 

La quota comprende:
Viaggio in pullman, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione in albergo, un pranzo in ristorante, bevande ai pasti, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Stefano Zuffi, polizza di assistenza “medico - bagaglio - annullamento”, mance.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 2 pasti liberi e quanto non espressamente citato nel programma.

 


Assistenza Culturale
Stefano ZUFFI

Prima come consulente editoriale e scientifico nella casa editrice Electa Mondadori (1994-2006) e poi attraverso l’attività dello studio editoriale mi occupo di pubblicazioni d’arte, come autore e come curatore di collane, a prevalente carattere divulgativo.
Collaboro inoltre con riviste d’arte e di cultura, con rubriche radiofoniche e per la sceneggiatura di documentari.
Per vari editori italiani e stranieri (Electa, Mondadori, Rusconi, Longanesi, Skira, Feltrinelli, Rizzoli, Sassi) ho pubblicato oltre 60 libri, diversi dei quali coeditati e tradotti in varie lingue.
Consigliere dell’Associazione Amici di Brera e dell’Associazione Amici del Museo Poldi Pezzoli, collaboro con musei e istituzioni milanesi, per la schedatura scientifica delle raccolte o per la progettazione e la realizzazione di mostre temporanee, spesso occupandomi anche degli aspetti didattici (pannelli esplicativi, cartellini, guide).

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact