Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 10/01/2018 15:01:00
Simona Bartolena
IN NORMANDIA, SULLE TRACCE DI MONET
Da giovedì 5 a domenica 8 aprile 2018

Un viaggio, tra la Normandia e Parigi, per ripercorrere la vita e l’opera dell’impressionista per eccellenza: Claude Monet.
Tra splendidi paesaggi, città ricche di tesori d’arte e villaggi tutti da scoprire, l’itinerario parte dalla visita ai giardini d’acqua progettati e curati da Monet nella sua tenuta di Giverny, dove l’artista spese gli ultimi anni della propria vita coltivando e dipingendo le sue adorate ninfee. Da Giverny ci si sposta a Rouen, per visitare la città e, soprattutto, la sua splendida cattedrale, più volte ritratta dall’impressionista.
Il viaggio prosegue poi verso alla volta del nord: a Le Havre, dove l’artista passò la propria giovinezza, a Etretat, dove dipinse le celebri falesie, e a Honfleur, che ospita un museo dedicato a Boudin, maestro e mentore del giovane Monet.
Il percorso si conclude a Parigi dove, come ultimo omaggio a Monet, visiteremo le Ninfee dell'Orangerie, museo che conserva anche la splendida collezione di Paul Guillaume.


Giovedì 5 - Milano/Parigi/Giverny/Rouen
Nella mattinata viaggio aereo per la Francia: volo Milano Linate/Parigi AF 1213 - 9,55/11,25.
La prima tappa del nostro viaggio è l'atelier di Monet a Giverny. Partiamo dunque dal luogo a cui Monet fu più profondamente legato negli ultimi anni della sua vita; quello di Giverny fu molto più di un atelier: per Monet fu un sogno realizzato, un capolavoro non dipinto. Tra le ninfee e i fiori coltivati dall'artista scopriamo la vera essenza della ricerca del pittore che portò la tecnica impressionista al massimo delle sue possibilità, entrando nel cuore del suo credo pittorico e del suo pensiero artistico. Ne approfittiamo poi per vedere il piccolo ma prezioso Museo dell'Impressionismo, sede di mostre interessanti e sempre motivate, dedicate al movimento e alla sua importante eredità.
Al termine delle visite si raggiunge Rouen dove si pernotta presso il Mercure Rouen Centre Cathédrale hotel (www.mercure.com), situato nella zona pedonale adiacente la cattedrale: cena in ristorante.


Venerdì 6 - Rouen
Rouen è una città tutta da scoprire. Partendo proprio dalla cattedrale tanto amata e ritratta da Monet in una delle sue serie più note, visitiamo il centro storico cittadino, con uno sguardo particolare al Museo, ricchissimo di capolavori dell'Ottocento (con opere dei più importanti impressionisti, ma anche degli artisti del Romanticismo come Delacroix e Géricault e molti altri). La visita ci offre una preziosa occasione per ripercorrere l'arte francese tra Sette e Ottocento, in una panoramica composta da opere di grande interesse. La giornata prosegue tra le viuzze del centro città curiosando tra monumenti e, perché no, negozi e locali tipici, respirando l'aria di una città accogliente e vivace.
Pasti liberi.


Sabato 7 - Etretat/Le Havre/Honfleur
La giornata è interamente dedicata alla scoperta dei luoghi dell'impressionismo sulle coste normanne.
Si parte di Rouen alla rotta di Etretat, uno degli scorci di spiaggia più ritratti dai pittori francesi dell'Ottocento, da Courbet al nostro Monet. Qualche scatto fotografico alle celeberrime falesie e poi via verso Le Havre, dove ci attende il MuMa (il sorprendente museo cittadino, ricco di opere degli impressionisti e di Boudin, il mentore di Monet, precursore dell'impressionismo) e un breve giro delle architetture cittadine di Auguste Perret, per le quali il centro città è stato riconosciuto dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità. Le Havre saprà sorprendere e sfatare il luogo comune di grigia città portuale che ancora spesso l'accompagna; pranzo presso il ristorante del MuMa.
Ma la giornata è lunga e ricchissima di luoghi da scoprire. Ripartiti da Le Havre nel dopopranzo ci dirigiamo verso Honfluer, la perla della costa normanna. Delizioso porticciolo in cui è bello smarrirsi o fermarsi a bere un caffè ai tavoli dei tanti locali centrali, Honfleur offre anche l'occasione per avvicinarsi a due personaggi straordinari della cultura tra Otto e Novecento: il già citato Boudin, a cui è intitolato il piccolo museo locale, e Erik Satie, che ha lasciato a Honfleur un casa visionaria e immaginifica che ben riflette la personalità del compositore. Infine il rientro a Rouen... per il meritato riposo. Cena libera.


Domenica 8 - Parigi/Milano
Ci trasferiamo da Rouen a Parigi. Nella capitale ci aspetta l'ultima tappa del nostro viaggio: il Museo dell'Orangerie, sede delle straordinarie stanze delle Ninfee di Monet. Realizzate negli anni Venti del Novecento, le due stanze rappresentano la summa delle ricerche del maestro impressionista sulla percezione atmosferica in pittura. Il museo ospita anche altri capolavori, che non manchiamo di ammirare: ad esempio la ricca collezione di Paul Guillaume, mercante d'arte molto attivo all'inizio del XX secolo. Dopo una passeggiata per il giardino delle Tuileries, una pausa per il pranzo libero precede il trasferimento in aeroporto: viaggio di rientro Parigi/Milano Linate con volo AF 1312 - 18,20/19,45.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.190
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 400)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 240


Modalità di pagamento:
Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Normandia - “Cognome partecipante”)
• Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio aereo con voli di linea e tasse aeroportuali, itinerario in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati con trattamento di pernottamento e prima colazione, due pasti con bevande incluse, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Simona Bartolena, facchinaggi in albergo, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 5 pasti liberi, i facchinaggi in aeroporto, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Simona BARTOLENA
Laureata a pieni voti con lode in Storia dell’arte contemporanea presso la Statale di Milano, ho pubblicato numerosi volumi per le più prestigiose case editrici italiane, anche tradotti in varie lingue straniere. Sono consulente di numerosi Comuni, associazioni culturali e gallerie; curatrice di mostre alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia, al Serrone della Villa Reale di Monza e presso le Ville di Delizia della Brianza. Dal 2011 sono nel comitato scientifico del MUST, Museo del territorio di Vimercate e sono presidente dell’associazione culturale "Heart-Pulsazioni Culturali" e direttore artistico del relativo centro culturale "Spazio Vivo" di Vimercate. Lavoro attivamente con alcuni artisti contemporanei, sia già affermati che emergenti, scrivendo per loro saggi di presentazione e testi critici e curando le loro esposizioni personali. Da anni mi occupo di iconografia -collaborando come ricercatrice con le principali case editrici milanesi- e di divulgazione, tenendo corsi, conferenze, seminari e visite guidate di argomento storico-artistico presso musei, biblioteche, università del tempo libero, gallerie e associazioni culturali.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact