Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 10/01/2018 10:50:00
Alessandra Novellone
IL “GRAN TEATRO MONTANO” DI GAUDENZIO FERRARI
Da venerdì 13 a sabato 14 aprile 2018

Un’esposizione internazionale, con prestiti dai più importanti musei del mondo, compresa la Pinacoteca di Brera, celebra il genio del maggior “poeta in figura” del ‘500 piemontese, Gaudenzio Ferrari, maestro indiscusso del Rinascimento tra Piemonte e Lombardia.
Distribuita su più sedi, tra cui Varallo e Novara, la mostra ci offre l’occasione di visitare valli un po' trascurate dal turismo di massa, come la verdissima Valsesia, in una stagione particolarmente favorevole, quando il candido manto nevoso lascia il posto al tenero verde primaverile. Il nostro percorso comprende la mostra al Museo di Varallo, la visita alla chiesa di S. Maria delle Grazie e alla chiesetta di Roccapietra, l’ascesa al Sacro Monte di Varallo e a quello di Orta S. Giulio per concludersi con la visita alla seconda parte dell’esposizione, a Novara.


Venerdì 13 - Milano/Varallo Sesia/Orta S. Giulio
Ore 8,30 partenza in pullman da Milano via Paleocapa, ang. via Jacini, in direzione di Varallo Sesia.
Quasi giunti a destinazione ci fermiamo per una sosta a Roccapietra, alla chiesetta della Madonna di Loreto, delizioso esempio di edificio sacro valligiano, adorno di una lunetta con una Natività, opera attribuita a Gaudenzio.
Raggiunta Varallo, visitiamo la chiesa di S. Maria delle Grazie, dove si trova il celebre tramezzo, comune nelle chiese francescane, con scene della Vita e della Passione di Cristo, realizzato dal pittore nel 1513. Il grandioso ciclo, articolato in 21 scomparti, è una summa di tutte le esperienze precedenti dell’artista: dalla formazione negli anni 80/90 del 400, tra Valsesia, area comasco/valtellinese, Piemonte occidentale, ai successivi aggiornamenti sulla cultura figurativa lombarda -e in particolare su Bramantino- e il primo soggiorno centro-italiano, con gli apporti di Perugino, Signorelli, Pinturicchio, Filippino Lippi, dando vita ad uno stile personalissimo e composito, in cui emergono anche riferimenti all’arte nordica, Durer in particolare.
Dopo la pausa per il pranzo in ristorante, è il turno della mostra presso il Museo di Varallo, riallestito per l’occasione.
Quindi in pochi minuti saliamo al Sacro Monte, grazie alla comoda funivia di collegamento. Il “gran teatro montano” secondo la felice espressione di Giovanni Testori, reca forte l’impronta del genio di Gaudenzio, che, presente qui per 30 anni, sfrutta le sue capacità di scultore e pittore, e le sue competenze di architetto per dare vita ad una straordinaria opera corale, che culmina nella cappella della Crocefissione: vertice dell’arte italiana del ‘500, la scena affollata di stendardi, armigeri, cani, cavalli, bambini dalle gote paffute, bionde bellezze valligiane restituisce in pieno il linguaggio del pittore, semplice e profondamente teatrale al tempo stesso, coltissimo ma anche di robusta ispirazione popolare, in grado ancora oggi di colpirci dritto al cuore.
Un breve trasferimento conduce a Orta S. Giulio, deliziosa cittadina sulle rive dell’omonimo lago, e all’hotel Leon d’Oro (www.albergoleondoro.it) confortevole struttura situata nella piazza centrale del paese. Cena libera.


Sabato 14 - Orta S. Giulio/Novara/Milano

Il Sacro Monte di Orta, dedicato a S. Francesco per suggerimento di S. Carlo Borromeo al vescovo di Novara Carlo Bascapè, fu edificato a partire dalla fine del ‘500, un secolo dopo rispetto a quello di Varallo. Una passeggiata tra le cappelle, affrescate e ornate di statue di terracotta, poste all’interno di un bosco “riserva speciale” che domina la cittadina, ci consente di valutare le differenze tra i due luoghi sacri.
organizzazione tecnica: celeber srl - via boccaccio 4 - 20123 milano
In pullman ci indirizziamo poi verso Novara, dove visitiamo la basilica di S. Gaudenzio, dominata dalla maestosa cupola dell’Antonelli. Dopo il pranzo libero, ci rechiamo al Castello per la seconda parte della mostra di Gaudenzio Ferrari.
In questa sede saranno esposte le opere del periodo milanese, provenienti dalla Pinacoteca di Brera, (come gli affreschi staccati della chiesa di S. Maria della Pace con “Storie di Gioacchino ed Anna”), ma anche da musei come la National Gallery e il British Museum di Londra, lo Stadel Museum di Francoforte, il Szepmuveszert di Budapest, oltre che da prestigiose collezioni private, come quella Borromeo.
Dopo le esperienze in S. Cristoforo a Vercelli e nel santuario di Saronno, dal 1537 Gaudenzio si trasferisce a Milano, dove resterà fino alla morte, nel 1546. La ricchissima produzione lasciata in città, ma anche nei dintorni, in chiese e conventi testimonia l’aggiornamento sui motivi manieristici, che il pittore coniuga armoniosamente con la tradizione naturalistica lombarda, aggiungendovi un respiro teatrale di grande effetto scenografico: tanto da guadagnarsi sincere parole di elogio da parte di Lomazzo e di Vasari (“pittore eccellentissimo, pratico ed espedito”), ed influenzando i pittori della generazione successive. Il resto del pomeriggio è dedicato al rientro a Milano.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 390
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 150)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 30


Modalità di pagamento:
Assegno o bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
• IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Orta - “Cognome partecipante”)


La quota comprende:
Viaggio in pullman, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, un pranzo in ristorante bevande incluse, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Alessandra Novellone, mance, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 2 pasti liberi e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Alessandra NOVELLONE
Laureata con lode in Lettere Moderne con indirizzo in Storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi sulle vetrate Liberty, ho collaborato per alcuni anni con una casa editrice, diventando pubblicista. Entrata in ruolo, ho insegnato per oltre 15 anni storia dell’arte, italiano e storia in alcuni istituti superiori milanesi, mettendo a punto una formazione che privilegia un approccio multidisciplinare. Dal 1986 collaboro con l’Associazione “Amici di Brera” elaborando e svolgendo visite guidate, percorsi didattici, conferenze. Per l’Associazione, di cui sono consigliera, curo la redazione dei programmi culturali, e sono responsabile dell’organiz-zazione delle conferenze. Autrice di articoli di approfondimento su temi storico/artistici, ho pubblicato “Arte e Zodiaco“ (Sassi, 2009) e “Milano, una metropoli d’arte” (Sassi, 2010), scritti a quattro mani con il collega ed amico Stefano Zuffi.

Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact