Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 16/11/2017 09:20:00
Luca Mozzati
CAMPANIA FELIX
Da lunedì 26 febbraio a sabato 3 marzo 2018

Uno straordinario itinerario che spazia dalla solenne ed epica dimensione dei templi greci di Paestum, capolavori assoluti dell’architettura occidentale, fino alle indaffarate città romane improvvisamente sepolte dalle ceneri del Vesuvio, con le loro attività commerciali, l’incredibile e vivacissimo spaccato della vita quotidiana e la sontuosità delle ville degli aristocratici e della classe regnante, come Oplontis. Accanto a questi siti imperdibili, si snoda una fitta trama di testimonianze sorprendenti dell’epoca romana, paleocristiana e medievale -in particolare longobarda, con la peculiarissima Santa Sofia di Benevento e la riscoperta reggia di Salerno- e normanna.


Lunedì 26 - Milano/Napoli/S. Agata de’ Goti/Benevento
Ritrovo in stazione Centrale, piano binari di fronte alla libreria Feltrinelli, alle ore 8,15.
Viaggio in carrozza “smart” con treno Alta Velocità Italo da Milano a Napoli - 8,35/13,25.
Da Napoli (pranzo libero) si prosegue in bus sino a raggiungere S. Agata de’ Goti, cittadina con un compatto e caratteristico centro storico, recentemente annoverato tra i borghi più belli d’Italia. Tra i monumenti spiccano la chiesa dell’Annunziata, di origine gotica, rimaneggiata, con gustoso affresco col Giudizio Universale e, di fronte ai suggestivi ruderi del castello, la chiesa di S. Menna, di origine romanica, con stupendi resti del pavimento musivo e dell’arredo liturgico medievale. Infine il Duomo, profondamente trasformato nel XVIII secolo, ma ancora possente nel respiro romanico.9
Nel tardo pomeriggio si raggiunge Benevento e il Grand Hotel Italiano (www.hotel-italiano.com) il più antico albergo della città, rinnovato di recente, non lontano dal centro storico: cena in albergo.


Martedì 27 - Benevento
L’intera giornata è dedicata alla visita a piedi del centro storico di Benevento. Luogo della celebre vittoria dei romani contro Pirro (da cui il nome), conserva il più bell’arco trionfale romano, celebrante con magnifici rilievi il saggio governo di Traiano, oltre ad altri monumentali resti archeologici. Accanto si trova la chiesa di S. Ilario a Port'Aurea, di fondazione longobarda, ora Museo dell’Arco. Fu quindi capitale longobarda del ducato meridionale: a questi anni risalgono parte delle mura ma soprattutto la peculiarissima chiesa di S. Sofia, a pianta stellare di ardito spessore teologico, con annesso monastero, in parte romanico, in cui ha sede il notevole Museo del Sannio. Anche il Duomo è fondazione longobarda, ampliato in epoca romanica, ricostruito dopo il terremoto del 1688, distrutto durante la seconda guerra mondiale e ricostruito nel primo dopoguerra. La magnifica la facciata è di influsso pugliese mentre la monumentale porta bronzea, capolavoro dell’epoca romanica, è di nuovo visibile dopo gli eterni restauri. All’epoca longobarda risale anche la chiesa del SS. Salvatore.
Pranzo libero e cena in albergo.


Mercoledì 28 - Cimitile/Salerno

Il complesso Basilicale di Cimitile è tra le fondamentali testimonianze nella storia della cristianità occidentale: qui Paolino da Nola usò per la prima volta la parola monasterium, in anticipo su S. Benedetto. Il complesso, in stato di colpevole trascuratezza, è caratterizzato dalla presenza e sovrapposizione in un’area di circa 9000 mq di ben sette edifici di culto, di età paleocristiana e medioevale, sorti su sepolcreti pagani e mescolati con strutture di altre epoche, sui quali domina la parrocchiale della fine del ‘700.
Benché turisticamente poco nota, Salerno offre, specie dopo i recenti lavori di recupero, numerosi motivi di interesse.
Il Duomo è una gigantesca costruzione romanica di epoca normanna, più volte modificata, con magnifico campanile. Di particolare interesse l’atrio, ricco di intarsi policromatici, in fondo al quale si apre la monumentale porta bronzea fusa a Costantinopoli, ricca di 54 formelle decorate. Nel luminoso interno secentesco spiccano i monumentali amboni romanici e i mausolei medievali, con le tracce di epoca normanna riemerse nei restauri.
La cripta, reinventata da Domenico Fontana nel Seicento, è un eccezionale esempio di barocco di gusto napoletano. Di grande interesse sono i recentissimi scavi che hanno riportato alla luce le vestigia del Palazzo longobardo di Arechi II di S. Pietro a Corte, unica testimonianza sopravvissuta di una struttura palaziale longobarda, oggi affascinante palinsesto di strutture.
Al termine delle visite -intervallate da una pausa per il pranzo libero- si raggiunge il Grand Hotel Salerno affacciato sul mare dell’omonimo golfo in direzione della Costiera Amalfitana (www.grandhotelsalerno.it): cena in albergo.


Giovedì 1 - Paestum/Cava dei Tirreni
A Paestum è possibile vedere in tutta la loro ineludibile e filosofica presenza tre templi greci tra i meglio conservati, perfettamente immersi nelle strutture dell’antico abitato con le sue strade, le piazze, le abitazioni e le mura. Le solenni strutture templari, che permettono di comprendere perfettamente l’evoluzione della concezione architettonica dall’epoca arcaica a quella classica, comunicano come poche altre opere l’immensa e incoercibile forza della cultura greca. Nell’adiacente Museo Archeologico Nazionale sono conservate, accanto alle schematiche ma espressive metope arcaiche, i sarcofagi dipinti appartenuti alle aristocrazie locali, tra le quali spicca la straordinaria Tomba del tuffatore, unico esemplare di pittura greca di età classica giunto fino a noi.
L’abbazia di Cava dei Tirreni fu costruita nell’XI secolo e sontuosamente ristrutturata tra XVII e XVIII secolo, con effetto spettacolare che integra perfettamente l’ambone cosmatesco. Della fase medievale rimane l’armonioso chiostro, mentre gli ambienti ipogei hanno una grandiosità e un fascino assolutamente indimenticabili.
Pranzo libero e cena in albergo.


Venerdì 2 - Nocera Superiore/Pompei/Oplonti

In apertura di giornata si visita il monumentale battistero di Nocera Superiore (VI sec.), formidabile esempio di struttura tardo antica.
Difficile spendere adeguate parole sull’importanza di Pompei, che visitiamo cercando di cogliere tutti gli aspetti più importanti della ricchissima vita e della storia che ci sono pervenute in stato di incredibile conservazione. Per chi avesse già visitato il sito ci saranno numerose sorprese costituite dalle strutture restaurate e riaperte in anni recenti.
La straordinaria villa di Oplonti, appartenuta a Poppea, offre invece un eccezionale documento della ricchezza e della qualità architettonica e pittorica di una residenza dell’altissima aristocrazia.
Pranzo libero e cena in albergo.


Sabato 3 - Napoli/Milano
L’ultimo giorno è dedicato al Museo Nazionale Archeologico di Napoli, che nella sezione riguardante la città di Pompei conclude in maniera indimenticabile questo viaggio nel tempo.
Pranzo libero e, raggiunta la stazione ferroviaria di Napoli Centrale, viaggio in treno di ritorno: posti riservati in carrozza “smart” con treno Alta Velocità Italo da Napoli a Milano Centrale - 15,48/20,09.



Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.280
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 450)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 160


Modalità di pagamento:
Assegno o bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
• IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Campania - “Cognome partecipante”)


La quota comprende:
Viaggio in treno e pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione in albergo bevande incluse, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Luca Mozzati, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 6 pasti liberi, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.

 


Assistenza Culturale
Luca MOZZATI

Laureato con lode in Lettere Moderne con indirizzo artistico nel 1987, svolgo attività di conferenziere e storico dell’arte. A queste attività “istituzionali” affianco quelle relative alla progettazione e allo sviluppo di itinerari che spaziano dalla visita a un monumento a viaggi di più giorni in ogni angolo del pianeta, preceduti da lunghi soggiorni per comprendere a fondo il paese da visitare.
Fotografo professionale e autore di una trentina di libri di storia dell’arte e di guide artistiche, dal 2002 sono consulente nella progettazione e nello svolgimento di programmi di Corporate Social Responsability per diverse aziende, dove curo programmi teorici e outdoor impostati su tematiche di carattere storico-artistico-archeologico, facendo dei temi di crescita del management e del team building esperienze di autentico arricchimento intellettuale ed emotivo per i partecipanti e mirando a risultati di non effimera rilevanza sociale.


Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact