Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 05/09/2017 15:05:00
Anna Torterolo
NEL PAESE DELL’AMICO FRITZ: STRASBURGO, COLMAR E IL MUSEO LALIQUE
Da domenica 29 ottobre a giovedì 2 novembre 2017

Quando la "verve" francese incontra (senza scontrarsi!) lo "Stimmung” tedesco, nascono luoghi di grande fascino e capolavori d'arte. In un paesaggio di sapore renano la cattedrale di Strasburgo affianca le soavi modulazioni del tardo gotico ad indimenticabili esempi di un vigoroso realismo germanico (Witz, Gerhaerdt di Leida) ed il cinema de l'Aubette presenta un interno in stile Deco disegnato da Hans Arp, a sfidare gli orrori della guerra.
Ma certo l'esempio di più commovente altezza raggiunta dal confronto fra le due civiltà è l'altare di Isenheim di Mathis Grunewald che, nella fiabesca Colmar delle case a graticcio e dei nidi di cicogna, conserva intatto il suo fascino perturbante, che ha suscitato l'ammirazione ed il desiderio di emulazione di tanti artisti del XX e del XXI secolo.
Il viaggio aggiunge a questi "classici" la raffinata collezione del recentemente aperto Museo Lalique, dove preziose fiale e meravigliosi astucci evocano con grande suggestione la piccola storia che ha "dato profumo" alla grande Storia.


Domenica 29 - Milano/Lucerna/Murbach/Guebwiller/Colmar
Ore 8,00 partenza in pullman da Milano via Paleocapa, ang. via Jacini, verso Bellinzona e la Valle Leventina, superando le Alpi attraverso il traforo del Gottardo per proseguire poi in direzione del Lago dei Quattro Cantoni.
Breve passeggiata per il centro storico di Lucerna, celebre per la sua grazia fin dai tempi del Grand Tour, con il famoso ponte coperto sul lago e le architetture moderne di Jean Nouvel e Santiago Calatrava. Pranzo libero.
Più tardi, nell'ombrosa quiete dei Vosgi, facciamo tappa a Murbach per l'antichissima abbazia di Saint Leger, maestosa testimonianza del monachesimo carolingio citata da Umberto Eco ne "Il nome della rosa" e a Guebwiller dove scopriamo il gotico luminoso ed audace della Chiesa dei Domenicani.
Arrivo a Colmar in serata e sistemazione presso il Mercure Colmar Centre Unterlinedn (www.mercure.com) moderno hotel a due passi dal centro storico: cena in albergo.


Lunedì 30 - Colmar

Impossibile non cominciare con il Museo di Unterlinden, luogo altamente simbolico in cui l'arte propone il secolare, profondo dialogo fra Germania e Francia, a partire dal meraviglioso polittico di Isenheim del misterioso Mathis Grunewald, immagine di tale impatto emozionale, con l'alternarsi di delicata bellezza e di orrore, da ossessionare l'universo mentale di maestri del Novecento, da Otto Dix a Salvador Dalì.
Ma vediamo anche opere di Cranach e di Martin Schongauer, la cui Madonna del Roseto conserva intatto il gentile profumo della primavera rinascimentale renana.
Al termine delle visite abbiamo l’opportunità di un gradevole itinerario a piedi lungo le vie del delizioso centro storico; tempo a disposizione. Pasti liberi.


Martedì 31 - Selestat/Obernai/Strasburgo
Diretti a Strasburgo, ci fermiamo a Selestat per la chiesa di S. Georges e per visitare il cantiere di restauro di un tesoro sconosciuto ma importantissimo, la preziosa Biblioteca Umanista, e a Obernai, quintessenza della più accattivante immagine d'Alsazia (nidi di cicogne, case à colombage, vinello fresco...).
E poi Strasburgo: viva e allegra, colta ed epicurea!
Eccoci alla Cattedrale che, con il Duomo di Milano e S. Vito a Praga, è un po' il canto del cigno del tempo delle cattedrali, con statue ormai contraddistinte da una nuova forza di caratterizzazione individuale che spalancano le porte al primo Rinascimento. Gli originali delle statue più famose li vediamo nello splendido museo dell'Opera del Duomo che ha pezzi incredibili, dai dipinti di Konrad Witz alle memorabili sculture di Nicolas di Leida.
Sistemazione presso l’Hotel de l’Europe (www.hotel-europe.com), dalla caratteristica struttura architettonica le cui origini risalgono al XV° secolo, situato nel cuore del quartiere storico della “Petite France”: pranzo libero e cena in albergo.


Mercoledì 1 - Strasburgo/Wingen sur Moden

Strasburgo ha avuto anche un ruolo essenziale nello sviluppo dell'arte del Novecento ed il Museo di Arte Moderna con cui
cominciamo la giornata ha una collezione ricchissima, che ha inizio con belle opere impressioniste ed arriva fino ai nostri
giorni, passando attraverso Picasso, Delaunay, Chagall, Jean Arp, Brauner e molti altri.
Al termine visita dell'Aubette, un luogo incantato, caffè-bar, cinema e teatro progettato negli anni venti e perfettamente
conservato, che coniuga lo stile Deco alle linee di De Stijl.
Nel pomeriggio, Lalique! un nome che evoca in tutti trasparenze di raffinati flaconi e schermaglie amorose e sociali dalla
Belle Epoque ad oggi. Visitiamo il Museo Lalique, recentemente aperto a Wingen sur Moden, con rari esempi di design e
di virtuosismo tecnico.
Pasti liberi.


Giovedì 2 - Thann/Lucerna/Milano

Escursione a Thann, dove la collegiata di S. Ubaldo è, dopo la cattedrale di Strasburgo, il più importante edificio gotico di
Alsazia.
Sulla via del ritorno sostiamo ancora a Lucerna (pranzo libero), questa volta per la collezione Rosengart, dove insieme
vediamo opere di Picasso e Klee. Da capogiro!!!!
Il resto del pomeriggio è dedicato al viaggio di rientro a Milano, che si raggiunge in serata.

 


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.120
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti
disponibili (acconto euro 400)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 180

 


Modalità di pagamento:

• Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Alsazia - “Cognome partecipante”)
• Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, due cene in albergo,
escursioni visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Anna Torterolo, polizza di assistenza “medicobagaglio-
annullamento”.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 7 pasti liberi, le bevande, i facchinaggi, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.

 


Assistenza Culturale
Anna TORTEROLO
Collaborando da anni con la splendida Biblioteca di Brera ed essendo cresciuta con una passione per i libri che mi fa' tornare da ogni viaggio con valigie pesantissime, cerco di allacciare tra loro itinerari d'arte ed emozioni letterarie. Sono persuasa infatti che il nostro gusto per il Bello si componga di memorie individuali, di conoscenza ma anche di assonanze più o meno consce tra lo sguardo e la parola: amo i viaggi-racconto, quindi, che sanno mettere in gioco ogni sfaccettatura del nostro universo percettivo. Collaboro con prestigiose associazioni culturali e ho al mio attivo alcune pubblicazioni di argomento storico-artistico. Un papà molto amato mi ha trasmesso un grande amore per la Francia, paese in cui mi muovo con affettuosa e complice disinvoltura.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact