Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 05/09/2017 14:24:00
Riccardo Braglia
CUORE SPAGNOLO
Da domenica 22 a venerdì 27 ottobre 2017

Domenica 22 - Milano/Madrid/Avila
Nella tarda mattinata volo diretto Iberia Milano Linate/Madrid IB 3251 - 11,50/14,15.
All’arrivo nella capitale, proseguimento in pullman verso Ávila, affascinate cittadina medievale nella regione di Castiglia e León. Dopo un lungo periodo di occupazione musulmana, Alfonso VI di Castiglia nel 1088 riconquistò la città, che fu fortificata e dotata di splendide mura, ancora perfettamente conservate. Tra i monumenti più importanti, si segnalano: la Cattedrale, massiccio edificio che fa da bastione alle cortine murarie con torri, merli e beccatelli eretto in forme romanico-gotiche fra il XII e il XIV e il Convento di S. Teresa costruito nel 1636 nel luogo della casa della grande mistica. Fuori le mura si trova invece il Real Monasterio de S. Tomas, con la chiesa tardo-gotica che conserva i sepolcri di don Juan, unico figlio maschio dei Re Cattolici, e del Grande Inquisitore di Spagna: il famigerato Tomas de Torquemada.
Sistemazione presso l’hotel Palacio de los Velada (www.hotelpalaciodelosvelada.com) situato in pieno centro storico e ricavato da un antico palazzo del XVI secolo: cena in albergo.


Lunedì 23 - S. Lorenzo El Escorial/Manzanares El Real
Escursione a S. Lorenzo de El Escorial. Fu fatto costruire da Filippo II dal 1563 al 1584 come residenza e sepolcreto dei re di Spagna, ma anche come convento e chiesa. Nel 1984 è stato dichiarato Patrimonio UNESCO dell'Umanità. L'enorme costruzione ha una pianta a forma di graticola in ricordo del supplizio subito dal santo cui è dedicata. Il monumento si compone di diverse parti: il Palacio de Los Austrias, i Nuevos Museos (ricchi di dipinti di grandi artisti spagnoli, italiani e fiamminghi) e infine la Basilica nella cui Capilla Mayor (Cappella Absidale) spiccano due gruppi in bronzo, capolavoro dei Leoni. Il Panteón sotterraneo racchiude i sarcofaghi dei re di Spagna e delle regine, nonché quelli degli Infantes, cioè dei principi reali.
Proseguimento per Manzanares El Real, comune spagnolo situato presso il grande bacino artificiale di Santillana: è un pittoresco paese dominato da un poderoso Castello del XV secolo già proprietà dei Mendoza e dichiarato Monumento de Interés Histórico Artístico.
Rientro a Avila in serata e cena in albergo.


Martedì 24 - Segovia
Partenza per Segovia, residenza dei re di Castiglia tra XIII e XV secolo, che sorge sulle pendici della Sierra de Guadarrama fra i fiumi Eresma e Clamores, in un’incantevole collocazione paesaggistica. L'agglomerato antico è Patrimonio UNESCO dal 1985. Testimonianza della dominazione romana è l'imponente acquedotto che domina coi suoi archi vertiginosi l'ingresso alla città vecchia, attraversando una depressione del terreno. Fiabesco è l'Alcázar, che domina l’abitato dall'alto e che risale ai secoli XI-XVI. Tipiche di Segovia sono le vecchie case con le facciate a rilievi decorate con arabeschi detti esgrafiados.
A breve distanza dalla città si trova un grandioso Palazzo Reale, chiamato Granja de San Ildefonso, detto “la piccola Versailles” dei Borboni di Spagna. Fu fatto costruire nel 1721 dal re Filippo V, ispirandosi alla fastosa dimora di suo nonno Luigi XIV, il Re Sole. L’edificio di pianta rettangolare, la cui facciata è stata disegnata dall'architetto siciliano Filippo Juvarra, ospita tra l’altro un incomparabile Museo degli Arazzi.
Il complesso è rinomato soprattutto per gli spettacolari giardini di tipo francese con viali rettilinei, boschi e statue.
Rientro a Avila in serata e cena in albergo.


Mercoledì 25 - Salamanca
Partenza per Salamanca, capoluogo della provincia omonima, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1988, è famosa per la sua Università, la più antica di Spagna. Fondata nel XIII secolo durante il regno di Alfonso IX di León, ha raggiunto il punto di massimo splendore nel XVI secolo. Tra i numerosissimi e fastosi monumenti si segnala la Cattedrale di S. Maria dell'Assedio, detta Catedral Nueva (cattedrale nuova) per distinguerla dall'adiacente Catedral Vieja (cattedrale vecchia).
organizzazione tecnica: celeber srl - via boccaccio 4 - 20123 milano
Tra gli edifici religiosi risalta il Convento Domenicano di S. Esteban, dove secondo la tradizione Colombo avrebbe discusso il suo progetto di viaggio alle Indie. E poi ancora le piazze, i sontuosi palazzi, i vetusti edifici universitari, tra i quali spiccano Las Escuelas Menores, uno dei gioielli del Rinascimento spagnolo.
Sistemazione presso l’hotel Catalonia Plaza Mayor Salamanca (www.hoteles-catalonia.com), completamente rinnovato in stile razionalista, a pochi passi dalla piazza centrale: cena in albergo.


Giovedì 26 - Toledo
Partenza per Toledo e visita di questa storica città, al cui arcivescovo spetta il titolo di Primate di Spagna. L’abitato è percorso dal fiume Tago e il suo centro storico si trova sulla cima di una collina, che permette di apprezzare un affascinante panorama. Per gli amanti dell'arte, Toledo si identifica con il grande pittore Domenico Theotocopulos detto El Greco (1541-1614) che trascorse qui gli ultimi 37 anni della sua vita; nella città sono conservate molte sue opere, tra le quali la celeberrima Sepoltura del Conte di Orgaz, custodita nella chiesa di S. Tomé. Tra i monumenti più rilevanti si ricorda la Fortezza dell'Alcázar, teatro di una sanguinosa battaglia durante la guerra civile spagnola.
La Cattedrale di S. María fu edificata tra il 1226 e il 1493 ed è considerata il capolavoro dello stile gotico in Spagna. Nel periodo arabo al suo posto sorgeva la Grande Moschea, che fu consacrata e trasformata in chiesa cristiana. Numerosi lavori interessarono l’edificio sacro nei secoli successivi; particolarmente pregevoli sono gli interventi del ‘500, l'età dell'oro per Toledo, chiamata Città Imperiale (Ciudad Imperial). La Capilla Mayor (il coro) è un'area ricca di opere d'arte. Dietro il retablo (grande pala) dell'altar maggiore si trova il famosissimo El Transparente, virtuosistica opera scultorea in marmo e alabastro in stile barocco.
Al termine delle visite si raggiunge l’Hotel Alfonso IV (www.hotelalfonsovi.com), nel centro della città vecchia: cena in albergo.


Venerdì 27 - Aranjuez/Madrid/Milano
Trasferimento nella ridente Aranjuez, cittadina posta sulla riva sinistra del Tago, è nota per le sue residenze regali e per i grandi giardini che contrastano con l'aridità della zona circostante. Il Palazzo Reale fu costruito durante il regno di Filippo II dagli stessi architetti dell'Escorial. Dietro al severo fabbricato si trova il Parterre, giardino alla francese ricco di fiori. La Real Casa del Labrador è un piccolo edificio di stile neoclassico. L'interno è arredato con grande ricchezza e raffinatezza: mobili, tappezzerie, porcellane, orologi, candelabri e soffitti affrescati da diversi pittori spagnoli. Gli immensi Giardini Reali (Jardín de la Isla e Jardín del Principe), costruiti per contrastare lo spoglio paesaggio delle mesetas spagnole, utilizzano l’acqua dei vicini fiumi Tago e Jarama, e sono i più importanti tra quelli risalenti al periodo asburgico.
Nel pomeriggio trasferimento all’aeroporto di Madrid e volo diretto di ritorno Madrid/Milano Malpensa IB 3254 - 15,50/17,55.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.770
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 600)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 170

 

Modalità di pagamento:
• Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Castiglia - “Cognome partecipante”)
• Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio aereo con voli di linea, tasse aeroportuali e un bagaglio da stiva max 23 kg, trasferimenti in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati con trattamento di mezza pensione, escursioni visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Riccardo Braglia, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 5 pasti liberi, le bevande, i facchinaggi, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Riccardo BRAGLIA

Laureato in Storia dell’Arte con una tesi sul collezionismo di Isabella d'Este, ha maturato la sua esperienza come scrittore, giornalista, curatore di mostre, e consulente di varie reti televisive; è stato anche ispettore della Soprintendenza di Mantova, partecipando a numerosi convegni ed eventi di settore. Un'ampia gamma di interessi caratterizza i suoi approfondimenti che spaziano dal costume all'indagine storica e alla letteratura, dall'arte alla moda e al teatro. Corrispondente per varie testate in campo storico-artistico, per poco meno di vent'anni ha insegnato storia dell'arte, iconologia ed iconografia in Svizzera.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact