Tag Titolo Abstract Articolo
10 aprile 2013
immagine

 

La Pinacoteca di Brera propone un ciclo di conferenze dedicate alla presentazione di nuove pubblicazioni storico-artistiche, dedicate ad argomenti in relazione con il patrimonio del museo.
Introdotti di volta in volta da storici dell’arte, critici, intellettuali e giornalisti, gli autori intratterranno il pubblico sul tema del volume.

Brera incontra l’autore

Alessandro Morandotti
Caravaggio e Milano
La Canestra dell’Ambrosiana

Scalpendi editore


10 aprile 2013

Pinacoteca di Brera, Sala della Passione
ore 18.00




Intervengono:

Alessandro Morandotti, storico dell’arte, Università degli Studi di Torino
Sandrina Bandera, Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera
Francesco Frangi, storico dell’arte, Università degli Studi di Pavia



Informazioni

Ufficio mostre ed eventi

tel. 02 72263.257
sbsae-mi.brera@beniculturali.it
www.brera.beniculturali.it



La Canestra di frutta di Caravaggio conservata alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano è un dipinto celebre e di autografia accertata anche se per alcuni aspetti ancora misterioso, visto che persino le sue misure sono spesso fraintese. La sua data di esecuzione dovrebbe collocarsi poco dopo la metà dell’ultimo decennio del Cinquecento, quando il pittore viveva a Roma. Negli studi si discute animatamente ancora oggi se essa debba essere considerata un puro pezzo di bravura o invece nasconda complessi significati allegorici, come la dignità del suo antico possessore suggerirebbe di pensare. Il quadro infatti, almeno dal 1607, è documentato nella collezione del cardinale Federico Borromeo (1564-1631) e, dal 1618, fa parte del nucleo di dipinti donati dall’allora arcivescovo di Milano ad uso dell’Accademia Ambrosiana: fondata in quell’anno per educare i giovani artisti attivi nella diocesi da lui governata. Per prendere posizione all’interno del dibattito sempre aperto, sarà utile per questo guardare attentamente il dipinto seguendone nel contempo la relativa fortuna in area lombarda, territorio in cui prese avvio, in anni precoci rispetto al panorama europeo, la storia della natura morta come genere autonomo.

14 - 22 aprile 2012
immagine

La Soprintendente Sandrina Bandera segnala che anche quest’anno il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere e valorizzare il Patrimonio culturale italiano, apre gratuitamente le porte di musei, ville, monumenti, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali, per nove giorni, dal 14 al 22 aprile su tutto il territorio nazionale.
La settimana della Cultura offre un ricco calendario di appuntamenti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti.

 

Gli incontri organizzati a  Brera presso la  Sala della Passione sono:

Lunedì 16 aprile, ore 17.00 - 18.00
Cantieri e affreschi giotteschi in Lombardia da Chiaravalle e Viboldone a Campione d'Italia, passando da Como.
Relatori Fabio Frezzato (C.S.G. Palladio) e Daniele Pescarmona (Soprintendenza BSAE Milano)

Mercoledì 18 aprile, ore 17 .00 - 19.00
Novità sul Maestro della Pala Sforzesca: un San Giovanni Evangelista donato dagli Amici di Brera
.
Relatore prof. Giovanni Romano (Università di Torino)

Giovedì 19 aprile, ore 15.00 - 19.00
L'Odalisca di Francesco Hayez e i Pascoli di primavera di Giovanni Segantini: tecnica e restauro.
Relatori Isabella Marelli, Mariolina Olivari, Andrea Carini e Paola Borghese (Soprintendenza BSAE Milano), prof. Roberto Cassanelli (Accademia di Belle Arti di Brera), Anna Pirovano (Studio Parma), Antonio Iaccarino e Carlo Serino (Equilibrarte), Gianluca Poldi (Politecnico di Milano) e Fabio Frezzato (C.S.G. Palladio)

 

Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact