Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 13/03/2012 16:45:00
Biblioteca Nazionale Braidense
Immaginare e costruire la Nazione - Manzoni tra Napoleone e Garibaldi
Mostra: 8 marzo - 17 maggio 2012

La Biblioteca Braidense mercoledi 7 marzo 2012, nell’ambito dei festeggiamenti per il 150° dell’Unità d’Italia, ha inaugurato e dedicato ad Alessandro Manzoni, la mostra "Immaginare e costruire la nazione. Manzoni da Napoleone a Garibaldi".
Manzoni, la cui lunga vita (1785-1873) accompagna l’intero processo di unificazione politica dell’Italia, dall’età rivoluzionaria e napoleonica, dalle prime congiure e dai primi moti risorgimentali, al ’48, al compimento dell’Unità, alla conquista di Roma capitale, fu da sempre profondamente convinto della necessità unitaria. Di tale processo è stato uno dei grandi protagonisti, non con il diretto impegno politico, ma con la sua innovativa e incisiva attività letteraria. Al problema della divisione degli italiani e del loro riscatto politico sono dedicati testi notissimi, come i Cori del Conte di Carmagnola e dell’Adelchi o l’ode Marzo 1821. E nel genere finalmente moderno del romanzo, i Promessi sposi diffusero per tutta la penisola i temi condivisi che tanto caratterizzavano l’«arretratezza» italiana, dall’ingiustizia all’economia, dal dominio straniero al ruolo della Chiesa. Il libro poneva al centro una riflessione obbligata sul rapporto tra gli uomini nella storia, che da milanese si faceva italiana. Ancor più evidente l’interesse nazionale di Manzoni nella ricerca di una lingua unitaria e popolare, che rompesse con una tradizione letteraria troppo aristocratica.
Letto, ammirato e discusso dalla nuova Italia, lo scrittore milanese ne fu riconosciuto uno dei padri. Fu nominato senatore del nuovo regno e chiamato a progettare i caratteri della lingua che doveva contribuire a realizzare l’effettiva unità sociale degli italiani. Per commemorare la sua morte, nel 1874 Verdi compose e diresse il Requiem.

La mostra, collocata nel prestigioso salone teresiano, è composta non solo da documenti scritti (libri, manoscritti, documenti storici, ecc.), ma anche da testi figurativi esemplari, che “raccontano” sia il contesto storico e il ruolo di Manzoni sia, in particolare, la ricchissima diffusione iconografica delle sue opere.
Dipinti e stampe della Braidense e di altri Enti prestatori fanno da corredo a questa mostra che si ritiene di estrema originalità, dato che nessuna mostra manzoniana ha avuto come tema un così particolare risvolto della vita e delle opere di Alessandro Manzoni. Importanti studiosi manzoniani e storici dell’arte hanno partecipato all’organizzazione delle varie sezioni della mostra e alla stesura dei saggi che compongono un ricco e prezioso volume, edito da Il Saggiatore, che accompagna l’esposizione.

Durante il periodo espositivo saranno organizzate visite guidata alla mostra su prenotazione.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact