Tag Titolo Abstract Articolo
Iniziative culturali
Amici di Brera
immagine

 

Tra le più antiche di Milano, opera da sempre per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione dello storico Palazzo di Brera (con le istituzioni museali e di ricerca in esso ospitate) e dei Musei Civici milanesi.

 

L’Associazione, fondata nel 1926, soppressa durante il fascismo e ricostituita nel 1949, promuove conferenze e incontri, visite e viaggi a Milano, in Italia e all’estero, attività didattiche di conoscenza e aggiornamento.

 

Sostiene le istituzioni attraverso sponsorizzazioni dirette, campagne di raccolta fondi e donazioni.

 

 

 

 

Queste pagine offrono agli Amici di Brera la possibilità di essere informati tempestivamente sulle attività dell'Associazione e di ricevere notizie sugli eventi di loro interesse inerenti.


Le attività presentate nel sito, con la sola eccezione di quelle didattiche, sono riservate esclusivamente ai soci degli Amici di Brera.

 

Chi intende unirsi all'Associazione trova le informazioni necessarie nella pagina istituzionale "Unisciti a noi".

La pagina "Contatti" reca le indicazioni per comunicare con l'Associazione.

 

 

 


 

 

 

DONATORI BRERA

 

Bembo Bonifacio

Ritratti di Francesco e Bianca Maria Sforza

Associazione

1932

Bembo Bonifacio

SS. Alessio e Giuliano

Paolo Gerli Socio

1951

Cagnacci Guido

Cleopatra Morente

Alberto Saibene Socio Presidente 1961-68

1960

Cairo Francesco

Cristo all’orto

Associazione

1963

Caravaggio (Michelangelo Merisi)

Cena in Emmaus

Associazione

1939

Cariani Giovanni

Cristo Risorto

Paolo Gerli Socio

1957

Di Pietro Niccolo

Incoronazione della Vergine

Associazione (In memoria di F. Wittgens)

1963

Estienne Giovanni

Terzo concorso nazionale di tiro a Firenze

Paolo Stramezzi

1951

Giovanni Da Milano

Cristo  in trono adorato da Angeli

Finanziamento Da Parte Dell’associazione

1970

Jesi Collezione


Jesi Emilio e Maria Arrighi

1978 e 1986

Lega Silvestro

Un dopo pranzo (Il Pergolato)

Associazione

1931

Maestro Della Pala Sforzesca

San Giovanni Evangelista

Associazione

2012

Morazzone (Mazzuchelli Pier Francesco)

San Francesco in Estasi

Paolo E Mary D’ancona Soci

1949

Passarotti Bartolomeo

Ritratto di gentiluomo con il cane

Associazione

1928

Reynolds Joshua

Ritratto di Lord Donoughmore

Associazione

1933

Segantini Giovanni

Pascoli di primavera

Associazione

1957

Sogliani Giovanni Antonio

Santa Caterina d’Alessandria

Associazione (In Memoria Di Franco Russoli)

1979

Tallone Cesare

Ritratto Ettore Bandini

Associazione

2014

Vitali Lamberto

Modigliani, disegno di Leonardo

Presidente 1967-75

1997



STORIA ASSOCIAZIONE AMICI DI BRERA

 

DATA

ATTIVITA’

NOMINATIVI

1949

Associazione riprende attività di acquisti, culturali e didattiche

Soprintendente Fernanda Wittgens

1970

Associazione inizia a finanziare la pubblicazione dei “Quaderni di Brera”

AA.VV.

1972

Associazione rappresenta l’Italia a Parigi in convegno Unesco “Funzione educativa e culturale dei Musei”


1977

Associazione finanzia i laboratori didattici “Giocare con l’Arte”

Bruno Munari

1980

Associazione finanzia il “Laboratorio del Loggiato” Fino al 1987

Renate Ramge Eco

1981

La presidente dell’Associazione Rina Brion finanzia l’allestimento  della nuova ala  della Pinacoteca di Brera (ex Appartamento dell’Astronomo) per le collezioni di arte moderna Jesi e Jucker (allestimento oggi perduto)

Ignazio Gardella

1984

Associazione con la collaborazione della Fondazione Cariplo finanzia il nuovo allestimento della sala destinata ai dipinti di Piero della Francesca e di Raffaello

Vittorio Gregotti

1986

Associazione e la Fondazione Istituto Bancario San Paolo di Torino sostengono il progetto della “Grande Brera”

James Sterling

1989

Associazione finanzia i nuovi laboratori didattici curati dalla società Clac

Claudio Cavalli (L’Albero azzurro)

1992

Associazione sostiene la convezione con la Fondazione Cariplo per l’apertura pomeridiana della Pinacoteca di Brera


1999

Associazione finanzia il restauro della Pietà Rondanini del comune di Milano, esposta al Castello Sforzesco, sotto la guida del soprintendente dott. Bruno Contardi

Sabina Vedovello

1999

Associazione stipula una convenzione con la Pirelli spa per la costruzione del laboratorio di restauro (sala XIV) e per i futuri restauri

Ettore Sottsass

2000

Associazione finanzia il convegno a Milano “Il Museo di Domani”


2010

Associazione celebra la conclusione del lungo restauro del Cenacolo

S. Bandera

P. Brambilla

P. Marani

A. Artioli

A. Zanoli

2011

Associazione provvede all’installazione del nuovo impianto di illuminazione per la sala XV


2012

Associazione provvede:

           - al nuovo impianto di amplificazione acustica per la Sala della Passione

           - al potenziamento dell’illuminazione del dipinto di Jacopo Robusti detto il

              Tintoretto “Ritrovamento del corpo di San Marco”

           - alla realizzazione del nuovo sito internet dell’associazione medesima

           - al ripristino del controsoffitto ed altro per la Biblioteca nazionale Braidense


2013

Associazione

           - con la Bank of America provvede al cantiere di restauro della statua del

              Napoleone di Antonio Canova

           - grazie al lascito della signora Orsi Mangelli Alverà provvede al nuovo

              ingresso ed al nuovo cancello dell’Orto Botanico di Brera

           - installazione ed allestimento dell’opera di Pietro Consagra “La grande muraglia”

           - la nuova vetrina espositiva per Gino Severini

           - sostiene la serata d’inaugurazione del nuovo allestimento del dipinto di Andrea

              Mantegna “Cristo morto”

           - sostiene il ciclo di incontri/conferenze “Milano nel Trecento” a cura della dott.ssa

              Sandrina Bandera

           - sostiene il ciclo di incontri/conferenze “Scene di conversazione” a cura della

              dott.ssa Cecilia Ghibaudi

           - sostiene il progetto di didattica interculturale della Soprintendenza di Brera,

              “A Brera anch’io”

           - finanzia il corso d’aggiornamento per insegnanti delle scuole di Milano e

              provincia, giunto al 16° anno di attività, “Il Museo, una risorsa per la scuola”





Architetto Moncada


 

Bibliografia

AA. VV. , Per Brera. Collezionisti e doni alla Pinacoteca dal 1882 al 2000, a cura di M. Ceriana e C. Quattrini, Firenze, Centro Di 2004

News
Amici di Brera
In vigore dal mese di SETTEMBRE 2015

Lunedì 9,30 – 13,00 

Martedì 9,30 – 13,00
Mercoledì 9,30 – 13,00
Giovedì 9,30 – 13,00
Venerdì chiuso

Apertura pomeridiana dalle 16,00 alle 17,30 solo in concomitanza con le conferenze.

Iniziative culturali
Amici di Brera
Settembre - Gennaio 2015 - 2016
immagine

 

23/25 settembre
56° BIENNALE DI VENEZIA TUTTI I FUTURI DEL MONDO
Assistenza culturale dott.ssa Alessandra Montalbetti


Dopo lo straordinario successo di pubblico e di critica della passata edizione, curata da M. Gioni, avevamo sinceramente
pensato che la Biennale ci avesse offerto tanto, forse tutto! Ma con quel travolgente entusiasmo, che sempre connota le scelte della direzione della Biennale, esce dal cilindro il nome di un curatore da poco cinquantenne, Okwui Enwezor, già onusto di incarichi prestigiosi (come la direzione dell’undicesima edizione di Documenta a Kassel nel 2002 e
la Haus der Kunst di Monaco di Baviera dal 2011), nato in Nigeria e, soprattutto, esperto dell’arte contemporanea di
quei mondi sovente ignorati.

 


28 settembre/4 ottobre
STRADE ROMANTICHE E CITTÀ D’ARTE DELLA FRANCONIA

Assistenza culturale dott. Stefano Zuffi


“Quasi centrum Europae”. Così veniva defi nita Norimberga all’inizio del Cinquecento, nel momento d’oro della sua storia. Intorno alla splendida città di Durer si articola un itinerario in una zona fi tta di capolavori, di monumenti, di centri storici antichi: Ulma, Bamberga, Wurzburg, Augusta, in un susseguirsi di emozioni, tra l’apoteosi medievale e la breve e
splendida stagione alle soglie della Riforma.

 


13/17 ottobre
ANDALUSIA, IL CUORE DORATO DELL’EUROPA

Assistenza culturale dott.ssa Raffaella Ausenda


L’Andalusia è sicuramente una delle regioni più affascinanti d’Europa. I luoghi, testimoni della sua storia straordinaria, restano nel cuore. La bellezza dell’Alhambra di Granada, l’ultima reggia moresca in Europa, che ha tanto ispirato gli artisti romantici, continua a sedurre ogni visitatore. Come la stupefacente moschea di Cordoba. E così Siviglia, già
importante città imperiale romana, (vi nasce l’imperatore Adriano), poi bellissima città islamica, che diventa magnifica capitale del “Siglo de Oro” spagnolo, facendosi baluardo della cristianità. Qui dipingevano Diego Velasquez, Francisco de Zurbaran, Bartolomé Esteban Murillo e Alonso Cano e il magnifi co museo ne conserva i capolavori.

 


25/26 ottobre
SGUARDI D’ARTISTA NEL CORRIDOIO VASARIANO

Assistenza culturale dott.ssa Alessandra Novellone
e dott. Stefano Zuffi


Nella due giorni fi orentina ci attende, aperto in esclusiva, il celebre “corridoio vasariano” con la sua collezione di autoritratti di artisti famosi, da Bernini a Delacroix, da Annibale Carracci ad Hayez, da Rembrandt a Ingres. Poi, nell’anno di Expo e della grande mostra dedicata a Leonardo, ci concentriamo sui molti cenacoli realizzati sulle rive dell’Arno da pittori come Orcagna, Ghirlandaio, Andrea Del Castagno, Perugino, precedenti diretti dell’ “Ultima cena” più nota di tutte. Tra le altre mete del breve ma denso soggiorno una vera chicca, fuori dai consueti itinerari turistici, il chiostro dello Scalzo affrescato da Andrea Del Sarto.

 


29 ottobre/1 novembre
SARAJEVO: UNA CITTÀ CHE RINASCE

Assistenza culturale dott.ssa Daniela Tarabra


Sono passati più di 15 anni dalla fine della tragica guerra dei Balcani e ora Sarajevo riprende il suo fascino incantevole, torna a vivere la sua piacevole atmosfera tra caffè antichi,
botteghe senza tempo e nuovi palazzi. Qui nei secoli si sono avvicendati l’impero ottomano e quello austro-ungarico, lasciando profonde tracce della loro cultura, e tuttora convivono quattro religioni (ortodossa, cattolica, musulmana ed ebraica). Una realtà davvero cosmopolita in cui, tra le cupole delle moschee e i minareti che svettano a fi anco dei campanili nel delizioso centro storico, le famiglie sono quasi tutte miste, come le celebri pasticcerie che offrono SacherTorte e Baklava. Un mosaico di culture in una città estremamente affascinante, da scoprire piacevolmente a piedi.

 


6/7 novembre
GLI SCROVEGNI IN ESCLUSIVA E I BORGHI MURATI

Assistenza culturale dott. Stefano Zuffi


Il breve itinerario ruota intorno ad una opportunità imperdibile: l’apertura speciale serale della Cappella degli Scrovegni a Padova. Invece dello striminzito, e insuffi ciente, abituale quarto d’ora concesso ai visitatori, avremo a disposizione il tempo giusto per gustare gli affreschi di Giotto. Lungo il percorso, le soste a Soave, Este e Montagnana consentono di toccare alcune splendide cittadine del Veneto, tuttora protette dalla cinta di mura medievali.

 


11/14 novembre
MATERA, DA CITTÀ DEI SASSI A CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

Assistenza culturale dott.ssa Luisa Strada


Tanto antica e tanto giovane questa magica città: espressiva e toccante nella sua radicale bellezza e, negli ultimi anni, tra i centri del Meridione, certo quella che ha avuto più slancio e capacità di affermare un’identità, grazie all’appassionata e vivace attività di una nuova generazione innamorata del proprio borgo.

 


18/22 novembre
COPENHAGEN E I SUOI MUSEI

Assistenza culturale dott.ssa Simona Bartolena


Città dinamica e affascinante, Copenhagen sa sorprendere per molti motivi: la sua vita culturale è certamente uno di questi. Un viaggio pensato per scoprire i molti musei di una città che passa con disinvoltura dalla pittura classica al design, dall’archeologia all’arte contemporanea, con gallerie e collezioni pubbliche e private di altissimo livello. Dalle sale del Ny Carlsberg Museum, con la sua collezione straordinaria di opere di Gauguin e i suoi pezzi egizi ed etruschi, alla splendida collezione moderna dell’Oordrup Museum, fino alle incantevoli vetrate sul mare del “Louisiana”, uno degli spazi espositivi più belli del Mondo: un percorso dedicato agli amanti dell’arte di tutti i tempi.

 


29 novembre/8 dicembre
NEW YORK , “THE TOWN THAT NEVER SLEEPS”

Assistenza culturale dott.ssa Alessandra Montalbetti


La città più faustiana al mondo, che si autorigenera, che non dorme mai, come canta Liza Minnelli, ha un fascino indescrivibile: per i suoi edifi ci, un catalogo completo delle maggiori archistar; per le sue icone mondiali, quali l’italianissimo “Toro” collocato a Wall Street; per le sue ferite non ancora rimarginate, come l’accorato Memoriale di Ground Zero; per gli innumerevoli capolavori conservati nei suoi Musei, che amiamo da sempre, fi nalmente gustati dal vivo. Godremo anche della splendida atmosfera natalizia, la cui accurata regia ci accompagnerà per la durata del nostro viaggio.



30 dicembre/6 gennaio

GOTICO IN FESTA: BUON ANNO FRA LE GRANDI CATTEDRALI DI FRANCIA

Assistenza culturale dott.ssa Anna Torterolo


Prima dei libri, furono le cattedrali a raccontare il mondo. Portali, vetrate, timpani narravano storie di cavalieri, di monaci, di sovrani: raffi guravano la vita intera, dal sublime sorriso degli angeli alle più umili erbe dei campi. A costruirle fu tutta un’epoca, un tempo di meravigliose avventure di fede, di vivaci fi ere e di speculazioni fi losofi che. Seguire la via delle cattedrali gotiche vuol dire anche scoprire l’armonia dei paesaggi di Francia, perché ognuna di esse sembra scaturire da un particolare incontro di terra e cielo. Il viaggio vuole rendere omaggio a questo momento così fondamentale dell’arte e della storia europea, in un momento dell’anno in cui gli uomini si stringono ancora intorno alle cattedrali, per ammirarne la bellezza e trarne energia spirituale per il proprio futuro.

 


15/16 gennaio
LA METAFISICA FERRARA DI DE CHIRICO

Assistenza culturale dott.ssa Alessandra Montalbetti


Questa magnifi ca rassegna dedicata ad uno dei pochi artisti italiani moderni noti anche all’estero si apre -per la prima volta e fi nalmente!- nella città che ha suscitato ed ispirato la nascita di uno dei più intriganti movimenti dell’arte contemporanea, la Metafisica. In una Italia fl agellata dalla Prima Guerra Mondiale, l’incontro cruciale tra la cultura classica dei fratelli De Chirico - Savinio e la creatività visionaria di Filippo De Pisis ingenerano un processo sinaptico che offrirà fertile terreno al Surrealismo psicanalitico di André Breton.

 


28/31 gennaio
CAMPI FLEGREI

Assistenza culturale dott. Luca Mozzati


Intriso di leggende ampiamente giustifi cate dai fenomeni geotermici che costellano l’area, il territorio dei Campi Flegrei conserva un fascino eccezionale, nonostante le non trascurabili ingiurie infl itte dal tempo e dagli uomini. Qui, tra coni vulcanici e laghi che riempirono i crateri, si alternarono Greci, Sanniti e infi ne Romani, che realizzarono alcuni dei più affascinanti insediamenti affacciati sul mare con panorami mozzafiato, meta privilegiata dei viaggiatori settecenteschi.

Didattica
Amici di Brera-Didattica
Lunedì 28 Settembre 2015, ore 16,30
immagine

 

L’Associazione Amici di Brera, da sempre sensibile alle problematiche della didattica scolastica, da alcuni anni sostiene il progetto “A Brera anch’io” ideato dalla Soprintendenza ai beni artistici e storici di Brera con un gruppo di progetto al quale hanno collaborato esperti di didattica interculturale, psicologi, operatori museali, insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado, arrivato oggi al XI anno.


Il risultato sono due percorsi relativi a due uscite in Pinacoteca, che verranno preparati in classe con materiale didattico prodromico, ed una terza uscita in cui i ragazzi sono ufficialmente “guide di Brera” e spiegano ai famigliari il museo milanese.

 

Lunedì 28 Settembre 2015, ore 16,30

 


Vi invitiamo a leggere la scheda progetto.

Didattica
Rosa Giorgi, Alessandra Montalbetti
mercoledì 30 settembre 2015, ore 15,00
immagine

L’Associazione Amici di Brera, per il XVII anno consecutivo, sostiene il corso “IL MUSEO, UNA RISORSA PER LA SCUOLA” organizzato sotto la supervisione della Soprintendenza ai Beni Artistici – Storici e Demoetnoatropologici.
Apriremo il corso con una conferenza dedicata alle architetture presenti alla EXPO di Milano; per quest'anno presentiamo un nuovo percorso dal titolo "Selfie d'autore". Vi aspettiamo


News
immagine

 

APERTI SOLO PER VOI

Ci sono luoghi dove non è facile entrare, dove l’accesso è negato ai più. Luoghi visitabili solo su richiesta e su appuntamento, il cui ingresso è concesso in esclusiva a piccoli gruppi di visitatori selezionati: palazzi nascosti nel cuore della città, splendidi edifi ci storici e ville immerse in parchi secolari sulle rive dei laghi, in Brianza, nelle Prealpi, in Lombardia e fuori. Grazie al prestigio di cui gode l’Associazione, ci proponiamo d’ora in poi di far aprire questi scrigni segreti apposta per i soci. Al piacere di scoprire nuovi capolavori, celati discretamente all’interno di inaccessibili dimore private, si aggiungerà quello di poterlo fare in esclusiva, talvolta accompagnati dagli stessi proprietari, senza folla o scolaresche vocianti. In questo, e nei prossimi programmi, troverete accanto al titolo di questo tipo di iniziative un particolare simbolo ( ) che le indicherà grafi camente, permettendoVi di individuare facilmente le visite ai luoghi “aperti solo per Voi”.


23 settembre Da piazza San Sepolcro a casa Grifi
25 settembre Una collezione per lo spirito nella Pinacoteca dei Cappuccini di Voltaggio, e una passeggiata a Gavi Ligure
1 ottobre Palazzo Bocconi
28 ottobre Chiesa di San Paolo Converso


VISITE A CHIESE

12 ottobre Le abbazie degli Umiliati e l’eredità di Giotto: Viboldone e Mirasole
19 ottobre Santa Maria di Crescenzago e la Martesana


PALAZZI, MUSEI E LUOGHI D’ARTE DI MILANO E DINTORNI
15 settembre Briosco – “vieni, c’è una scultura colorata nel bosco…
16 settembre Itinerario di architettura: il quartiere QT8 tra le sperimentazioni del dopoguerra e gli interventi recenti
18 settembre Priceless, nuova presenza sul tetto della ex Banca Commerciale
21 settembre Percorso alla nuova Darsena: tra storia e riqualifi cazione
22 settembre Itinerario di architettura: alcune presenze di Razionalismo a Milano
2 ottobre Lugano e il suo nuovo, attesissimo museo
20 ottobre La casa di Alessandro Manzoni


VISITE A MOSTRE

17 settembre “Donne non si nasce, lo si diventa” - Simone de Beauvoir
23 settembre Natura, mito e paesaggio nel mondo antico, a Palazzo Reale
24 settembre Il testamento spirituale di Michelangelo nei disegni d’après e nella Pietà Rondanini
30 settembre Giotto, l’Italia: da Assisi a Milano
5 ottobre Visita a Expo
7 ottobre Il trittico di Antonello da Messina ricomposto al Museo Bagatti Valsecchi
9 ottobre Al Caffè Michelangelo, dove nacque la “macchia”
10 ottobre L’isola delle torri. Tesori dalla Sardegna nuragica
14 ottobre Giovanni Carandente a Spoleto – passione per la scultura!
15 ottobre Malevic a Bergamo
17 ottobre Giotto, l’Italia: da Assisi a Milano
22 ottobre Natura, mito e paesaggio nel mondo antico, a Palazzo Reale
23 ottobre Adolfo Wildt alla GAM
26 ottobre Giotto, l’Italia: da Assisi a Milano
31 ottobre Adolfo Wildt: scolpire il vuoto
4 novembre Perugino e Raffaello, dialogo tra maestro e allievo a Brera
5 novembre Gauguin al Mudec


ITINERARI D’ARTE
28 settembre Il labirinto di Franco Maria Ricci a Fontanellato
27 ottobre Venezia, città del libro: Manuzio alle Gallerie dell’Accademia


CONFERENZE
22 settembre L’iconografi a della Grande Madre, tra fi sicità e spiritualità
29 settembre Perugino versus Raffaello: “Sposalizi” a confronto
6 ottobre Csodalos! Capolavori dal museo Szépmuvészeti di Budapest
13 ottobre Le arti decorative alle Esposizioni universali
20 ottobre Il Razionalismo in Italia, protagonisti e relazioni internazionali
3 novembre La pittura di Francesco Hayez, tra Romanticismo e Risorgimento

Iniziative culturali
immagine

La Ciociaria si stende nel bacino del Sacco tra i monti Ernici e Lepini. Le città che l'itinerario raccorda, Segni, Anagni, Ferentino, Alatri, coglieranno di sorpresa per l'intenso carattere: tutte preromane, rinnovate nel medioevo, con le magnifiche cattedrali, le stupefacenti mura ciclopiche e i sontuosi palazzi, che spesso ospitarono la corte papale.
Il “ciociaro” Cicerone (nato ad Arpino in provincia di Frosinone) definisce questa terra «aspera et montuosa et fidelis et simplex et fautrix suorum» (aspra, montuosa, fedele, semplice e fautrice dei suoi).


Giovedì 8 - Milano/Roma/Palestrina/Fiuggi
Ritrovo in stazione Centrale, piano binari di fronte alla libreria Feltrinelli, alle ore 8,45.
Viaggio in carrozza standard con treno Alta Velocità FrecciaRossa da Milano a Roma - 9,00/11,55.
Giunti a Roma, trasferimento in pullman a Palestrina, dominata dalle immense rovine del Santuario della Fortuna Primigenia, sede in età romana di un oracolo molto consultato. Esse costituiscono il supporto scenografico dell'abitato medievale. In alto, nel palazzo Barberini dalla spettacolare facciata concava, il Museo Archeologico Prenestino accoglie una delle opere musive più celebri dell'antichità: il meraviglioso mosaico raffigurante l'inondazione del Nilo, probabilmente realizzato attorno all'80 a.C. per la sala absidata del tempio. Al termine proseguimento per Fiuggi, rinomata località termale; persino Michelangelo scrisse in una lettera che beveva le sue acque medicamentose con notevole giovamento.
Sistemazione presso il confortevole hotel San Giorgio (www.hotel-sangiorgio.it); una moderna struttura situata nel cuore della cittadina termale, dotata di un ampio giardino oltre che di un centro benessere al proprio interno.
Pranzo libero e cena in albergo.


Venerdì 9 - Ferentino/Casamari/Segni
Partenza per un'intera giornata di escursione. La prima tappa è Ferentino, le cui impressionanti Mura preromane sostengono l'Acropoli e il duomo medievale, che presenta alcuni capolavori cosmateschi (pavimenti e cero pasquale). Nel tessuto urbanistico, risalente alla notte dei tempi, spicca poi S. Maria Maggiore, superba chiesa gotica cistercense. Proseguiamo quindi per Casamari, forse l'antica «Ceretae», luogo natale di Mario. Ospita una famosa Abbazia, fondata nel 1035, insigne e raro esempio di quella variante del gotico portata d'oltralpe dai monaci cistercensi. Al termine della visita raggiungeremo Veroli, suggestivo borgo arcaico, raccolto su un'altura alle propaggini degli Ernici; conserva quartieri medievali con case in pietra e architetture rinascimentali.
Nel primo pomeriggio visitiamo un altro illustre cenobio, l'Abbazia di Fossanova. Fondata dai Benedettini, fu concessa nel XII sec ai Cistercensi; la sua chiesa è un insigne monumento architettonico, di particolare ricchezza artistica e decorativa. Sulla strada del ritorno, breve sosta a Segni, che si distende pittoresca tra i castagneti su un contrafforte dei monti Lepini, chiusa in un giro di mura poligonali, di cui restano tratti dalla complessa tecnica costruttiva e la nota Porta Saracena.
Pranzo libero e cena in albergo a Fiuggi.


Sabato 10 - Cascate dei Liri/Alatri/Anagni

Partenza per le spettacolari Cascate, situate nei pressi di Isola dei Liri, cittadina compresa tra due rami del fiume. Sullo sfondo si erge il romantico Castello Boncompagni di varia epoca (sec. XIV-XIX).
Proseguiamo quindi per Alatri, insediamento antichissimo posto su un colle di ulivi. Formidabili, vetuste Mura Poligonali serrano in alto l'Acropoli o Civita, dove risalta solitario il Duomo, consacrato nel 1091. In basso, un altro anello difensivo racchiude la città medievale, percorsa da tortuose stradette e scale.
organizzazione tecnica: celeber srl - via boccaccio 4 - 20123 milano
Nella piazza principale si erge S. Maria Maggiore, di remota fondazione, forse del sec. V. Seguirà la visita della impres-sionante Rocca di Fumone, di origini oscure, che risalgono agli albori della storia; luogo di rifugio di Tarquinio il Superbo scacciato da Roma, giocò un ruolo cruciale durante l’invasione di Annibale. Tuttavia l’episodio più importante della rocca avvenne nel 1295, quando vi fu rinchiuso il santo Papa Celestino V, che vi morì dopo dieci mesi di dura prigionia. L'edificio è dotato di prestigiosi interni e di monumentali giardini pensili.
Concluderemo la mattinata raggiungendo Anagni dove, dopo la sosta per il pranzo libero, proseguono le visite.
Arroccato su uno sperone, l'insediamento domina la valle del Sacco. Fu «Anagnia», città degli Ernici, per tradizione fondata dal dio Saturno. Oggi, i severi e silenziosi spazi urbani ricordano soprattutto il tempo in cui era una sorta di "capitale pontificia". L’episodio forse leggendario del famoso "schiaffo" dato da Sciarra Colonna con la mano guantata di ferro a papa Bonifacio VIII sarebbe avvenuto in una sala del fastoso Palazzo Caetani. Altro rinomato monumento è la superba Cattedrale, uno dei più importanti e significativi episodi di arte romanica nel Lazio. L'interno trabocca di tesori artistici, ma è soprattutto celebre per la Cripta, che conserva preziosissimi affreschi eseguiti tra il 1231 e il 1255 da pittori benedettini di scuola romano-bizantina.
Concluse le visite, rientro a Fiuggi: cena in albergo.


Domenica 11 - Fondi/Sermoneta/Roma/Milano
Partenza per Fondi che mantiene l’originaria pianta romana, anche se l'impronta monumentale risale al tempo del possesso dei Caetani (1299-1494), la famiglia di Bonifacio VIII. Tra le tante cose da ammirare si segnala il Duomo di S. Pietro, caratterizzato da un aspetto gotico (sec. XIV), ma che fu innalzato su resti pagani; è impreziosito da uno straordinario portale con statue e rilievi. Interessantissimo è pure il Palazzo del Principe, felice connubio tra elementi architettonici angioino-durazzeschi e gotico-catalani. L'adiacente massiccia torre cilindrica è legata al ricordo della stupenda Giulia Gonzaga, contessa di Fondi nel XVI secolo; la fama della sua bellezza si sparse per ogni dove, e pare che il sultano di Costantinopoli abbia cercato di farla rapire per tenerla nel suo harem. Pranzo libero.
Nel pomeriggio, prima di rientrare a Roma, sosta a Sermoneta. Di aspetto ancora medievale, il borgo, chiuso da una cinta turrita, è disposto sotto le possenti cortine del Castello Caetani. Eretto nella prima metà del sec. XIII, fu trasformato in munita fortezza ai primi del '500 da Antonio da Sangallo il Vecchio. Degna di nota è inoltre la Cattedrale, in cui si può ammirare una squisita Madonna degli Angeli di Benozzo Gozzoli, l'allievo migliore del Beato Angelico.
Completate le visite, si raggiunge la stazione ferroviaria di Roma Termini da dove ha inizio il viaggio di ritorno, in carrozza standard, con treno Alta Velocità FrecciaRossa da Roma a Milano Centrale - 19.00/22.03.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 860
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 300)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 100


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Ciociaria - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio Milano/Roma/Milano in treno Alta Velocità con posti in carrozza standard, percorso in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione bevande incluse, visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Riccardo Braglia, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”, mance.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 4 pasti liberi, i facchinaggi e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Riccardo BRAGLIA

Laureato in Storia dell’Arte con una tesi sul collezionismo di Isabella d'Este, ha maturato la sua esperienza come scrittore, giornalista, curatore di mostre, e consulente di varie reti televisive; è stato anche ispettore della Soprintendenza di Mantova, partecipando a numerosi convegni ed eventi di settore. Un'ampia gamma di interessi caratterizza i suoi approfondimenti che spaziano dal costume all'indagine storica e alla letteratura, dall'arte alla moda e al teatro. Corrispondente per varie testate in campo storico-artistico, per poco meno di vent'anni ha insegnato storia dell'arte, iconologia ed iconografia in Svizzera.

Iniziative culturali
immagine

Il breve itinerario ruota intorno a una opportunità imperdibile: l'apertura speciale serale della Cappella degli Scrovegni a Padova. Invece dello striminzito abituale quarto d'ora concesso ai visitatori, avremo a disposizione il tempo giusto per gustare gli affreschi di Giotto. Lungo il percorso, le soste a Soave, Este e Montagnana consentono di toccare alcune splendide cittadine del veneto, tuttora protette dalla cinta di mura medievali.


Venerdì 6 - Milano/Soave/Padova
Ore 8,00 partenza in pullman da Milano via Paleocapa, ang. via Jacini, viaggiando lungo il nastro autostradale che conduce alla Serenissima.
La prima visita in programma è quella al centro storico di Soave, nel bel paesaggio collinare e viticolo tra Verona e Vicenza. Il borgo appare tuttora cinto dalla intatta cerchia delle mura scaligere, che salgono verso il castello. A breve distanza, nel comune di San Bonifacio, visitiamo la chiesa monastica di San Pietro in Villanova.
Arrivo a Padova e pranzo libero. Nel pomeriggio, in prossimità della cappella degli Scrovegni, percorriamo le piazze centrali del complesso sistema urbanistico di Padova, con la visita all'interno del Palazzo della Ragione, rivestito da un importante ciclo di pitture gotiche profane.
Le collezioni del Museo degli Eremitani sono il preludio alla emozione serale, la visita prolungata e dettagliata alla Cappella degli Scrovegni, pietra miliare dell'arte e della cultura occidentale, il meglio conservato tra i cicli pittorici di Giotto.
Al termine della visita, la cena è servita presso il rinomato ristorante Zaramella, contiguo al centralissimo hotel Europa dove si pernotta (www.hoteleuropapd.it).


Sabato 7 - Este/Montagnana/Milano
Aggirate le pendici dei colli, sul limitare della piana agricola si inanellano alcuni dei più suggestivi borghi murati. Toccheremo per prima Este, luogo d'origine della dinastia dei duchi di Ferrara, con lunghe cortine murarie che si diramano dal castello trecentesco. Poi, lo spettacolare borgo murato di Montagnana, che ha preservato una delle più integre cerchie di mura medievali d'Italia, oltre a disporre di un importante duomo tardogotico e di un palazzo progettato da Andrea Palladio.
Dopo il pranzo in ristorante, il pomeriggio è dedicato al rientro a Milano che si raggiunge in serata.


Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 430
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 150)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 45

 

Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Padova - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:

Viaggio in pullman, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, due pasti in ristorante bevande incluse,
visite e ingressi come da programma, assistenza culturale di Stefano Zuffi, polizza di assistenza “medico-bagaglioannullamento”,
mance.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 1 pasto libero e quanto non espressamente citato nel programma.

 


Assistenza Culturale
Stefano ZUFFI

Prima come consulente editoriale e scientifico nella casa editrice Electa Mondadori (1994-2006) e poi attraverso l’attività dello studio editoriale mi occupo di pubblicazioni d’arte, come autore e come curatore di collane, a prevalente carattere divulgativo. Collaboro inoltre con riviste d’arte e di cultura, con rubriche radiofoniche e per la sceneggiatura di documentari.
Per vari editori italiani e stranieri (Electa, Mondadori, Rusconi, Longanesi, Skira, Feltrinelli, Rizzoli, Sassi) ho pubblicato oltre 60 libri, diversi dei quali coeditati e tradotti in varie lingue. Consigliere dell’Associazione Amici di Brera e dell’Associazione Amici del Museo Poldi Pezzoli, collaboro con musei e istituzioni milanesi, per la schedatura scientifica delle raccolte o per la progettazione e la realizzazione di mostre temporanee, spesso occupandomi anche degli aspetti didattici (pannelli esplicativi, cartellini, guide).

Iniziative culturali
immagine

L’antica città dei Sassi, scandalo antropologico degli anni Cinquanta, è oggi considerata una delle città con la miglior qualità di vita in Italia. Tagliata fuori dal mondo per lunghissimo tempo, ancora oggi difficilmente raggiungibile e non ancora raggiunta dalle Ferrovie dello Stato, diventa capitale della cultura 2019, dopo aver già conquistato nel 1993 un posto tra i siti Unesco.
Vien da pensare che, mentre l’Italia del boom economico inseguiva il progresso, portandosi dietro anche tutti gli annessi e connessi, che oggi a distanza di tempo valutiamo negativamente (cementificazione, rumore, inquinamento, traffico, edilizia sconsiderata etc.), Matera rimaneva lì, immobile, immutata, silente, apparentemente sorpassata. Eppure...


Mercoledì 11 - Milano/Bari/Matera
Nella tarda mattinata viaggio aereo per la Puglia: volo Milano Linate/Bari AZ 1649 - 11,20/12,45.
Nel pomeriggio (pranzo libero) prendiamo contatto con questa città che subito sorprende. Non una città antica, ma un luogo abitativo che pare proprio quello che l’uomo postmoderno va cercando, a misura d’uomo, tutto da percorrere co-modamente a piedi. Insediamento millenario, che ha mantenuto un aspetto talmente incantevole da conquistare molti re-gisti (da Pasolini e Mel Gibson) che l’hanno scelto come set di famosissimi film, ma non per questo meno pittoresco: una città moderna, vivacissima dal punto di vista culturale e per le numerose giovani iniziative imprenditoriali.
La prima tappa è a Casa Noha, presidio FAI in Basilicata inaugurato nel 2014, suggestiva anticamera del nostro viaggio, che ci aiuterà ad addentrarci nell’anima di Matera, nel calore della roccia porosa del tufo, aiutati anche da un’efficace co-municazione multimediale.
Sistemazione presso il moderno hotel Palace (www.palacehotel-matera.it), elegante e funzionale struttura nei pressi del centro cittadino: cena e pernottamento in albergo.


Giovedì 12 - Matera

La città è l’espressione più alta dell’arte rupestre in Italia, scavata nel tufo: eremi, cripte, cenobi e basiliche ipogee, molto spesso affrescate, disseminate nell’altopiano murgico e lungo i suoi precipizi o inglobate nel tessuto urbanistico.
Questa giornata è tutta dedicata ai Sassi in città: la mattina alla scoperta del rione Sasso Caveoso, nella sua particolare forma ad anfiteatro, dove non manca una visita a una casa-grotta e alle chiese rupestri di S. Lucia alle Malve e Madonna de Idris, con alcuni degli affreschi più significativi del patrimonio iconografico locale.
In chiusura di mattinata, la sosta presso una cantina storica offre la possibilità di una degustazione di prodotti tipici locali.
Nel pomeriggio, dopo una pausa per il pranzo libero, la passeggiata prosegue verso il Sasso Barisano con le chiese della Madonna delle Virtù, di S. Nicola dei Greci e di S. Pietro Barisano. Cena in hotel.


Venerdì 13 - Matera

Un breve trasferimento in bus conduce al Belvedere mozzafiato di Murgia Timone. La zona rientra nel Parco delle Chiese Rupestri, dove si visita con particolare cura la cripta del Peccato Originale, considerata la Sistina del Rupestre; ad ingolo-sire Adamo fu qui un fico, non una mela; spiegheremo il perché.
Nel pomeriggio di nuovo in città, per una passeggiata lungo il Piano, l‘asse barocco di Matera, la città nobile che guarda dall’alto la città contadina dei sassi (così almeno una volta). Oggetto di visita la chiesa di S. Francesco di Assisi e quella del Purgatorio, il Museo Archeologico Nazionale e il sorprendente “Palombaro”, grossa cisterna per la raccolta dell’acqua scavata al di sotto di piazza Vittorio Veneto.
Pranzo libero e cena in hotel.


Sabato 14 - Montescaglioso/Bari/Milano
Per concludere in bellezza il nostro percorso dall’Eremo al Cenobio, raggiungiamo Montescaglioso, borgo dominato dall’imponente e maestoso complesso monastico di San Michele Arcangelo. La cupola della chiesa abbaziale, i chiostri, gli affreschi della sala capitolare e della biblioteca sono eloquenti testimonianze dell’importanza di questa cittadella benedet-tina, avviata nell’XI secolo e successivamente ingrandita con le donazioni dei Conti Normanni.
Al termine trasferimento all’aeroporto di Bari (pranzo libero) per il volo di rientro su Milano: Bari/Milano Linate AZ 1652 - 16,30/18,00.



Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 990
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 350)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 120


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Matera - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio aereo con voli di linea e tasse aeroportuali, trasferimenti in pullman come da programma, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, trattamento di mezza pensione bevande ai pasti incluse, visite e ingressi come da pro-gramma, assistenza culturale di Luisa Strada, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:

Gli extra in genere, 4 pasti liberi, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.



Assistenza Culturale
Luisa STRADA

Mi sono laureata con lode nel 1991 in Arte Lombarda con tesi sul Bramante alla Facoltà di Pavia. Tra matrimonio e maternità, ho incominciato la mia attività di assistente culturale e di educatrice museale, nel 1993 con gli Amici di Brera e, due anni dopo, con il Museo Poldi Pezzoli: posso dire che passione e professionalità per l’arte sono cresciute dentro queste due associazioni. Dal 1998, in collaborazione con la Soprintendenza, partecipo al corso di ag-giornamento per gli insegnanti della scuola secondaria di primo grado, organizzato dagli Amici di Brera. Dal 2009 sono docente del Corso di Storia dell’Arte presso la Dragan Golden Age, libera università di via Larga a Milano.
Il mio interesse principale si rivolge certamente all’arte sacra: nel 2008 ho conseguito il di-ploma in Spiritualità presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, che continuo a fre-quentare con grande passione e per la quale ho curato nel 2005 il volume I Chiostri di San Simpliciano Le pietre e la memoria edito da Electa. Nel 2012 ho iniziato una collaborazione con la De Agostini Scuola per cui sto elaborando il Museo digitale dell’arte sacra.

Iniziative culturali
immagine

Sono passati quasi vent’anni dalla fine della tragica guerra dei Balcani e oggi Sarajevo torna a rivestirsi di fascino incantevole, a vivere la sua piacevole atmosfera tra caffè antichi, botteghe senza tempo e nuovi palazzi. Qui nei secoli si sono avvicendati l’impero ottomano e quello austro-ungarico, lasciando profonde tracce della loro cultura, e tutt’ora convivono quattro religioni (ortodossa, cattolica, musulmana ed ebraica), per cui è anche detta la “Gerusalemme dei Balcani“. I segni dell’assedio durato 4 anni sono ancora visibili tra le cupole delle moschee ed i minareti che svettano a fianco dei campanili nel delizioso centro storico sulle rive della piccola Miljacka, il fiume che divide in due Sarajevo.
Una realtà davvero cosmopolita dove le famiglie sono quasi tutte miste, come le celebri pasticcerie che offrono SacherTorte e Baklava, un mosaico di culture che vogliono convivere insieme pacificamente in una città estremamente affascinante e gradevole da scoprire a piedi.
Una giornata sarà trascorsa nella vicina e graziosa Mostar, celebre per il suo antico ponte.


Giovedì 29 - Milano/Sarajevo
Nel corso della mattinata ritrovo in aeroporto e viaggio, con voli della compagnia aerea Austrian Airlines, per la Bosnia con scalo a Vienna: Milano Malpensa/Vienna OS 512 - 10,00/11,25 in coincidenza con volo Vienna/Sarajevo OS 757 13,00/14,10.
All’arrivo nella capitale bosniaca, trasferimento dall’aeroporto al centro cittadino e sistemazione presso il confortevole hotel Europe (www.hoteleurope.ba) in posizione strategica per lo svolgimento delle visite. Iniziamo subito nel pomeriggio passeggiando nei quartieri orientali della città dove troviamo il fascinoso mercato islamico, la moschea di Gazi Husrev Bey, capolavoro dell’architettura islamica costruita nel 1562, e il tipico agglomerato di botteghe, laboratori artigianali e caffè tra le vie del quartiere turco di Bascarsija.
Pranzo libero e cena servita in albergo.


Venerdì 30 - Sarajevo
Prosegue la nostra visita a piedi della città iniziando dalla Svrzina Kuca, la Casa di Svrzo, un’abitazione signorile in stile ottomano. Si continua con uno sguardo al restauro della Biblioteca Nazionale distrutta nel 1992, simbolo della resistenza della città all’assedio, e poi visitiamo l’interessante Museo della città di Sarajevo. Passeggiamo verso il quartiere ebraico, poi l’Ufficio Postale dagli interni imperiali con un grande orologio in ottone sospeso, e il mercato coperto alimentare Markhale del 1885.
Pasti liberi.


Sabato 31 - Mostar
Giornata di escursione nella vicina Mostar (Patrimonio UNESCO dell’Umanità) dove si ammira il ponte, simbolo stesso della città e immagine eloquente delle devastazioni belliche: costruito nel 1566, distrutto nel 1993 e ricostruito 10 anni dopo ponendo fine alla dolorosa divisione della città in due parti. Il celebre ponte esibisce uno straordinario arco unico di 28 metri, sostenuto da due torri quadrangolari e collega le due rive del fiume Neretva. Si continua per il fascinoso Kujundziluk, il quartiere turco degli artigiani (sellai, ottonai, tessitori) con strade lastricate e bancarelle riparate da tettoie in pietra: qui si trovano gli edifici più raffinati del XVI secolo come la Biscevic Kuca e la Kajtazova straordinari esempi dell’architettura abitativa in epoca ottomana così come le svettanti moschee.
Pasti liberi.


Domenica 1 - Sarajevo/Milano
In mattinata completamento delle visite a piedi e successivo trasferimento in bus aeroporto per il viaggio di ritorno in Italia: volo di rientro Sarajevo/Vienna OS 758 - 15,05/16,25 con proseguimento Vienna/Milano Malpensa OS 515 - 17,35/19,05. 
Pranzo libero.

 

Quota individuale di partecipazione minimo 15 - € 1.100
Iscrizioni in corso sino ad esaurimento dei posti disponibili (acconto euro 400)
Saldo entro 15 giorni dalla partenza
Supplemento camera singola € 90


Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario a favore di Celeber srl - Milano
IBAN: IT89O0569601600000018882X00 (causale: ABP Sarajevo - “Cognome partecipante”)
- Assegno bancario “non trasferibile” intestato a Celeber srl - Milano


La quota comprende:
Viaggio aereo con voli di linea e tasse aeroportuali, sistemazione in camera a due letti presso gli alberghi citati, una cena in albergo, trasferimenti visite e ingressi come da programma, facchinaggi in albergo, assistenza culturale di Daniela Tarabra, polizza di assistenza “medico-bagaglio-annullamento”.


La quota non comprende:
Gli extra in genere, 6 pasti liberi, le bevande, le mance e quanto non espressamente citato nel programma.


Assistenza Culturale
Daniela TARABRA

Storica dell'arte, collaboro dal 2001 con la casa editrice Electa, sono autrice dei volumi: La National Gallery di Londra
(Mondadori, 2002), Il Prado di Madrid (Mondadori, 2003), Il Rijksmuseum di Amsterdam (Mondadori, 2004), Rubens (Electa,
2004), Il Settecento (Electa, 2006), Gli stili nelle arti (Mondadori Arte, 2008), Tardobarocco e Rococò (Electa, 2009).
Tengo conferenze su temi artistici e conduco visite guidate a mostre, musei e luoghi d’arte, in Italia e all’estero, per conto
di varie associazioni culturali. Il mio impegno professionale e i miei interessi sono rivolti principalmente a diffondere la
conoscenza della storia e dei problemi dell’arte a un pubblico curioso e spesso poco consapevole delle bellezze e dei
tesori ovunque diffusi nel nostro paese.

Pubblicitá
Smeg
Tag cloud
Mailing list
Rss
Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi - Via Brera, 28 - 20121 Milano - C.F. 03178150151
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact